Skip to content

Comunità di destino. Educare alla complessità nell'era planetaria secondo il pensiero di Edgar Morin

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
nostro nome in arabo. A tredici anni, con buona pace del mio ragazzo dai capelli rossi, ero certa che avrei sposato una persona di colore, perché ero contro il razzismo e a favore dell’intercultura. L’amicizia più grande che tutt’ora coltivo attraversa un ponte di oltre 10.000 chilometri. L’amore per la natura, se certo traduceva il rispetto per il creato, aveva assunto una connotazione ben precisa quando, in quarta elementare, la maestra mi fece leggere “Susy e l’ecologia”; ma, fondamentalmente, è un debito immenso alle mie estati nei prati di B, alle pareti di ceresio translucide nel sole del primo mattino, alla terra nera da coltivare, ai mucchi di fieno profumati nelle sere di giugno, quando i rintocchi del cuculo si fanno sentire al limitare del bosco… Perché Morin La prima volta che ho avuto a che fare con questo autore risale ormai all’estate 1999, quando, terminata la maturità pochi giorni prima, cominciai a dare un’occhiata ai due testi che la presentazione in Internet del corso di laurea in Scienze dell’Educazione – al quale ero intenzionata ad iscrivermi – indicava come fondamentali: Il paradigma perduto 1 e La danza che crea 2 . L’idea di mantenere come riferimento centrale l’opera di Morin deriva da una duplice esigenza: da un lato la volontà di scandagliare in profondità il solido percorso di un autore chiave per il mio percorso di studi. Anni fa mi avevano insegnato che J.S. Bach, prima di arrivare a comporre il suo Clavicembalo ben temperato, avesse trascritto per anni e anni le partiture dei maestri di contrappunto. Molto più umilmente, il mio procedere voleva provare – attraverso un’immersione nelle parole e nel metodo di Morin – a respirare un poco lo stile della complessità che indaga le questioni dell’uomo nel mondo. Non nego che il rischio di inebriamento possa a volte aver nascosto quello di intossicazione. Dall’altro, poiché sono molte le cose che mi interessano (e che mi in- tessono) e alle quali avrei voluto dedicare un lavoro di tesi, quest’analisi mi ha consentito di trattare contemporaneamente, di connettere e di “tenere insieme” – sparsa colligo, dice lo stesso Morin – gli elementi che avvertivo come i più importanti: la relazione empatica con ogni individuo della specie umana, l’istanza religiosa, la questione ecologica, la missione dell’educazione, i timori sul futuro, la riscoperta del passato, l’amore per la Terra e per l’uomo e il loro legame con il cosmo. La saggezza simbiosofica, il sentimento matri-patriottico, l’idea di relianza, la comunità di destino sono concetti che hanno saputo ospitare e incarnare quanto mi stava più a cuore e che, da sola, non avrei saputo esprimere. La comunità di destino L’idea di comunità di destino mi è sembrata l’espressione più aperta e adatta a comprendere in sé tali questioni, come se potesse indicare la strada verso cui muovere i passi tentennanti nel presente panorama di incertezza. Nella stesura della tesi, questo concetto ha certamente subito una traduzione (e forse un tradimento) da parte della sottoscritta rispetto all’accezione originaria indicata da Morin. Lavorare su questo tema mi ha dato la sensazione di sentirmi legata, come dice Panikkar, alla Terra sotto, agli 1 Morin, Il paradigma perduto, op. cit.. 2 Ceruti, La danza che crea, op. cit.. 12
Anteprima della tesi: Comunità di destino. Educare alla complessità nell'era planetaria secondo il pensiero di Edgar Morin, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Comunità di destino. Educare alla complessità nell'era planetaria secondo il pensiero di Edgar Morin

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marta Antoniolli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Fabio Dovigo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia culturale
compartecipazione planetaria
comunità di destino
educare alla complessità
educazione e globalizzazione
epistemologia moriniana
relianza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi