Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il segreto di Stato alla luce dell'evoluzione del diritto all'informazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 si venne a creare una piattaforma giuridica ben salda, per cui esistevano limitazioni giuridiche insormontabili anche per le più alte potestà, sia temporali che spirituali. La “ragion di Stato“ si sposerà perfettamente con il “mendacio“ 6 ; chi esercita e detiene il potere, secondo la dottrina di origine machiavelliana, ha il diritto di mentire, cioè di “simulare”, facendo apparire quello che non è, e “dissimulare”, per non fare apparire quello che è. Frutto del pensiero assolutistico è il principio del quod principi placuit, legis habet vigorem, principio con cui si stabiliva la supremazia del sovrano sulla legge, la perfetta identificazione degli interessi del principe con la stessa ragion di Stato. Anche Hobbes non richiedeva la fedeltà ai patti se a postulare ciò era la sicurezza dello Stato 7 . Si può dire che alle origini dello Stato moderno, grazie all’operato di funzionari ben addestrati, fu elaborato un concetto di arcanum politico, il cui significato, dal punto di vista strettamente tecnico, non potrebbe essere considerato né più, né meno mistico dei moderni concetti di segreto aziendale, di affari o di fabbricazione. Fu Carl Joachim Friederich a dimostrare efficacemente la necessità di mantenere sempre e costantemente numerosi i segreti negli affari del governo e della pubblica amministrazione anche negli ordinamenti liberaldemocratici 8 . _______________ 6 Cfr. R. DE MATTEI, Il problema della “ragion di Stato” nel seicento. Ragion di Stato e “emendacio”, Rivista internazionale di filosofia del diritto, 1960; F. GENTILE, Intelligenza politica e ragion di Stato, Milano, 1984. 7 T. HOBBES, Leviatano, libro I, cap. 14. 8 C. FRIEDRICH, Governo costituzionale e democrazia, Venezia, 1963 , p. 70 s., 74 ss.

Anteprima della Tesi di Mauro Guglielmo Paludo

Anteprima della tesi: Il segreto di Stato alla luce dell'evoluzione del diritto all'informazione, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mauro Guglielmo Paludo Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5917 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.