Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La condizione giuridica dello straniero nella Costituzione Italiana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 12 - Personaggi di spicco della scienza giuridica italiana sostennero i principi già proclamati dalla rivoluzione francese e che in Italia si arricchirono di altre motivazioni: desiderio di uniformare la condizione giuridica degli italiani soggetti a dominazioni straniere;opportunità di attrarre nel suolo italiano uomini e capitali stranieri per rilanciare l’economia dei singoli Stati; trattamento degli esuli, spesso personaggi di spicco nella lotta per l’unificazione nazionale. In contrapposizione all’orientamento dottrinario e delle corti giudiziarie sabaude (di ispirazione francese), si imposero i giuristi di scuola napoletana, tra cui il Rocco (9), che considerava l’applicazione dello statuto personale dello straniero discendente da norme di diritto internazionale universale e obbligatorio. Si imposero inoltre, sempre in tema di parificazione giuridica degli stranieri, le teorie sostenute dal Savarese, Pisanelli, Mancini (10). Essi negavano rilevanza giuridica alla distinzione tra la condizione generale dell’uomo e quella particolare della persona, portatrice di un carattere speciale (appartenenza ad una determinata collettività statale); criticavano la concezione della sovranità dello Stato (che ritenevano di concezione feudale), in quanto anteponeva gli interessi della conservazione del patrimonio immobiliare e del territorio all’esigenza di tutelare la persona e di riconoscere la sua dignità ed i suoi caratteri originali e naturali. ____________________________________________________________________ 9) N.ROCCO, Dell’uso e autorità delle leggi del Regno delle due Sicilie considerate nelle relazioni con le persone e col territorio degli stranieri, NA,Stamperie reali,1837; 10) MANCINI P.S.-PISANELLI G.-SCIALOJA A. (a cura di), Commentario del codice di procedura civile per gli Stati sardi, con la comparazione degli altri codici italiani e delle principali legislazioni straniere,TO, Società editrice, 1855/1863.

Anteprima della Tesi di Agnese Brocchini

Anteprima della tesi: La condizione giuridica dello straniero nella Costituzione Italiana, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Agnese Brocchini Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19022 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.