Skip to content

Le assemblee elettive locali nella transizione italiana. Analisi di un caso

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
16 Nell’ordinamento precedente l’operato del Sindaco era condizionato da molteplici elementi di incertezza primo fra tutti la facilità con cui potevano mutare le Maggioranze Consiliari anche per effetto dello spostamento di un solo voto, che poteva risultare determinante per la caduta di una Giunta; crisi che spesso si risolvevano all’interno della Maggioranza stessa non per motivi di mutamento di indirizzo politico ma semplicemente per logiche di rimpasto della Giunta con assegnazioni delle cariche di Assessore e Sindaco a compagini politiche differenti o addirittura all’interno di differenti correnti del medesimo Partito. Inoltre gli Assessori, eletti in seno all’Assemblea, avevano un potere politico pari a quello del Sindaco, al quale potevano imporre le loro scelte che sarebbero state prerogativa del solo Sindaco e rispetto alle quali era anche responsabile giuridicamente. Altro rischio a cui erano sottoposte le Giunte consisteva nelle pressioni esterne provenienti dalle Segreterie dei Partiti, nell’ottica di “equilibri” a livello provinciale, regionale o addirittura nazionale nel caso di Comuni di grandi dimensioni. Il pregio della riforma del 1993 è stato quello di svincolare e rendere indipendenti le Amministrazioni Locali, per l’intera durate del mandato, dalle incertezze e dalle instabilità sia interne che esterne e di affidare completamente al giudizio popolare la designazione del responsabile dell’esecutivo. Tale rafforzamento della stabilità amministrativa ha così contribuito ad accrescere la forza delle Autonomie Locali e a rendere più coerente al programma elettorale l’esercizio del potere locale e l’operato degli Esecutivi sia Comunali che Provinciali. Contemporaneamente tale mutamento ha incrementato la visibilità personale dei Sindaci e dei Presidenti delle Province e li ha resi maggiormente responsabili, di fronte all’opinione pubblica ed all’elettorato, delle loro scelte politiche ed amministrative. L’elezione diretta del Sindaco ne ha fatto un soggetto politico forte, anche se in un’ottica nazionale molto accentratrice si rivela ancora debole amministrativamente, soprattutto in funzione della limitata capacita fiscale e finanziaria delle Amministrazioni Locali in esame. Il punto focale del nuovo modello istituzionale è dunque l’investitura diretta del Capo del governo locale, ma in sede di elaborazione della Legge le proposte furono le più disparate e numerose; vennero presentate all’esame della Commissione Parlamentare addirittura 19 proposte di legge. Alcune prevedevano una soluzione di tipo “presidenzialistico” con una scelta del Primo Cittadino parallela e svincolata rispetto alla competizione elettorale tra le Liste per l’assegnazione dei seggi in Consiglio Comunale. Altre, al contrario, attribuivano all’elettorato solo la designazione iniziale del vertice di governo, prevedendo l’investitura a Sindaco per il Capolista del gruppo risultato vincente. Ma tale sistema avrebbe ancora sottoposto il Sindaco e la Giunta al giudizio dell’Assemblea ed alla spada di Damocle della sfiducia costruttiva. Così tra le varie possibilità si è cercato di elaborare un sistema che garantisse, attraverso premi di maggioranza, lo scrutinio maggioritario di Lista e l’introduzione di soglie di sbarramento esplicite, stabilità e governabilità all’esecutivo nominato dal Premier eletto con il suffragio popolare. Oltre tutto questa riforma elettorale di tipo maggioritario si rifaceva ad esperienze passate del sistema elettorale locale italiano e più precisamente alle Leggi approvate, nel 1951, su proposta del ministro degl’Interni Scelba, per l’elezione dei Consigli Comunali e Provinciali. Tale proposta si riconduceva al criterio dualistico che prevedeva un sistema strettamente proporzionale per gli organi elettivi nazionali e un sistema maggioritario per le amministrazioni locali. Il sistema del 1951 prevedeva, per i Consigli dei Comuni con oltre 10.000 abitanti, un premio di maggioranza da suddividersi tra le Liste collegate, che avessero raggiunto la maggioranza relativa dei voti.
Anteprima della tesi: Le assemblee elettive locali nella transizione italiana. Analisi di un caso, Pagina 14

Preview dalla tesi:

Le assemblee elettive locali nella transizione italiana. Analisi di un caso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Poggi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Andrea Mignone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione
assemblee elettive
centro destra
centro-sinistra
elezioni amministrative
legge 81/93
legislatura
partiti
sindaco
varazze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi