Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le assemblee elettive locali nella transizione italiana. Analisi di un caso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Ogni elettore può esprimere, oltre al voto per il candidato Sindaco, una preferenza per un candidato alla carica di Consigliere Comunale compreso nella Lista collegata al candidato prescelto. E’ proclamato eletto Sindaco il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti. Alla Lista collegata al Sindaco vincente sono attribuiti due terzi dei seggi in Consiglio Comunale, I restanti seggi sono ripartiti proporzionalmente fra le altre Liste. Nell'ambito d’ogni Lista, i candidati sono proclamati eletti Consiglieri Comunali secondo l'ordine delle rispettive cifre individuali, Il primo seggio spettante a ciascuna Lista di minoranza è attribuito al candidato alla carica di Sindaco della Lista medesima. Nell’articolo 6, si passa alla definizione delle regole per elezione del Sindaco nei Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti. Contrariamente alle elezioni in Comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti, nelle Città di taglia superiore ciascun candidato alla carica di Sindaco deve dichiarare all'atto della presentazione della candidatura, il collegamento con una o più Liste presentate per l'elezione del Consiglio Comunale. La dichiarazione ha efficacia solo se convergente con analoga dichiarazione resa dai delegati delle Liste interessate. La scheda elettorale reca i nomi e cognomi dei candidati a Sindaci e al loro fianco i contrassegni delle Liste con cui i vari candidati sono collegati. E’ proclamato eletto Sindaco il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi. Qualora nessun candidato ottenga la maggioranza assoluta, si procede ad un secondo turno elettorale che ha luogo la seconda domenica successiva a quella del primo. Sono ammessi al secondo turno i due candidati alla carica di Sindaco che hanno ottenuto al primo turno il maggior numero di voti. I candidati ammessi al ballottaggio hanno facoltà, entro sette giorni dalla prima votazione, di dichiarare il collegamento con ulteriori Liste rispetto a quelle con cui era stato effettuato il collegamento nel primo turno. Dopo il secondo turno è proclamato eletto Sindaco il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti validi. L’elezione del Consiglio Comunale nei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti, è disciplinata dall’articolo 7: Il voto alla Lista viene espresso, tracciando un segno sul contrassegno della Lista prescelta. Ciascun elettore può esprimere inoltre, un voto di preferenza per un candidato della Lista da lui votata, scrivendone il cognome sull'apposita riga posta a fianco del contrassegno. Qualora un candidato alla carica di Sindaco sia proclamato eletto al primo turno, alla Lista o al gruppo di Liste ad esso collegate che non abbia già conseguito, almeno il 60% dei seggi del Consiglio ma abbia superato il 50% dei voti validi, viene assegnato il 60% dei seggi. Qualora un candidato alla carica di Sindaco sia proclamato eletto al secondo turno, alla Lista o al gruppo di Liste ad esso collegate che non abbia già conseguito, almeno il 60% dei seggi del Consiglio, viene assegnato il 60% dei seggi, semprechè nessun’altra Lista o altro gruppo di Liste collegate abbia già superato nel primo turno il 50% dei voti validi. I restanti seggi vengono assegnati alle altre Liste o gruppi di Liste collegate con criterio proporzionale. Una volta determinato il numero dei seggi spettanti a ciascuna Lista o gruppo di Liste collegate, sono in primo luogo proclamati eletti alla carica di Consigliere i candidati alla carica di Sindaco, non risultati eletti, collegati a ciascuna Lista che abbia ottenuto almeno un seggio. In caso di collegamento di più Liste al medesimo candidato alla carica di Sindaco risultato non eletto, il seggio spettante a quest'ultimo è detratto dai seggi complessivamente attribuiti al gruppo di Liste collegate; sono proclamati eletti Consiglieri Comunali i candidati di ciascuna Lista secondo l'ordine delle rispettive cifre individuali.

Anteprima della Tesi di Carlo Poggi

Anteprima della tesi: Le assemblee elettive locali nella transizione italiana. Analisi di un caso, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Carlo Poggi Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1570 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.