Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio di false reliquie nel Regno di Napoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 cittadine. Il maggiore imputato di questi “disordini” è secondo il clero ed il viceré, Gioacchino Portacarrio, Marchese di Almenera, il Giannone 19 che in seguito, sarà considerato da Eleonora Pimentel Fonseca come il fondatore di una nuova nazione e che già il Voltaire lo vedrà come colui che civilizza “con le sue idee” il proprio paese. Nel XVIII secolo, in questo clima di cambiamento, si discute di sopprimere o meno la cattedra di “historia ecclesiae”. Si interrogano in proposito il Galiani, il Genovesi, il Doria, il Gravina, il Vico, il Giannone fino al Tanucci: costoro reputano la cattedra di Storia Ecclesiastica di grande utilità in quanto trasforma in modo critico gli insegnamenti impartiti in forma dogmatica. Il Cardinale Spinelli invece la fa sopprimere aiutato da Santistelami e da Brancone, presenta alla Camera di Santa Chiara la sua decisione in quanto l’historia ecclesiae, insegnata a Napoli, è motivo di scandalo ed eresie. L’insegnamento impartito, sempre secondo lo Spinelli, da persone, quali il Ruggeri che il Cardinale stesso non reputa all’altezza del compito. Infatti nel 1737 lo farà carcerare per i suoi metodi considerati “sovversivi”. Se ne riparlerà circa trent’anni dopo, con il caso della Cattedra delle Decretali. 20 Il Genovesi vede in essa un vero e proprio limite al potere regio, ed una pregnante corruzione ecclesiastica. Il 3 dicembre 1740 il nuovo Papa Benedetto XIV con l’enciclica Ubi Primum, suggerisce le linee programmatiche di una pastorale decisa ___________________________ 19. Pietro Giannone (1676-1745) autore della Storia Civile del Regno di Napoli e del Triregno, ha partecipato alla polemica sulle ingerenze della Chiesa Romana nel regno napoletano. L’opera gli ha procurato pericolose inimicizie, che lo porteranno alla cattura da parte dell’esercito piemontese accordatosi con la Curia Romana, in Savoia. Il Giannone morirà nelle carceri sabaude pochi anni dopo il suo arresto. 20. Disciplina di diritto canonico che il Genovesi definisce “il codice della monarchia universale della Chiesa”.

Anteprima della Tesi di Nizar Fanelli

Anteprima della tesi: Il commercio di false reliquie nel Regno di Napoli, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Nizar Fanelli Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2242 click dal 17/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.