Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Vantone tra mito e dialetto. Il teatro di Pier Paolo Pasolini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IV materiale idoneo, cartaceo o filmico, per avventurarsi in una simile operazione 1 . 1 La realizzazione scenica cui era mia intenzione fare riferimento è ovviamente la prima, quella curata da Franco Enriquez nel 1963, anno in cui Pasolini era ancora in vita, cui partecipò in prima persona, mediante suggerimenti e consigli impartiti riguardo alle modalità di rappresentazione, soprattutto degli attori-marionette, condivisi dallo stesso regista. A distanza di molti anni dalla morte di Pasolini, i vari riadattamenti scenici del Vantone condotti da vari registi italiani hanno accentuato il carattere farsesco e ludico dello spettacolo e attenuato la violenza verbale del testo originale, snaturando la natura dell’operazione pasoliniana.

Anteprima della Tesi di Marco Iapichino

Anteprima della tesi: Il Vantone tra mito e dialetto. Il teatro di Pier Paolo Pasolini, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Iapichino Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4055 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.