Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Grafica e Web: nuove forme di comunicazione nell'attuale panorama tecnologico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 1. LA COMUNICAZIONE NELL’“ERA” DI INTERNET 1.1. Le “ere” della comunicazione La Preistoria è stata suddivisa dagli storici in tre grandi estensioni temporali (paleolitico, mesolitico, neolitico) distinte dal modo in cui l’uomo lavorava i suoi utensili, infatti, l’evoluzione della specie umana avvenne mediante la produzione di tecnologie in grado di garantirle una più lunga conservazione. DeFleur e Ball-Rokeach, pur ritenendo utile tale schema ai fini dell’individuazione della crescita tecnologica e dell’aumento della produzione di utensili, propongono un’ulteriore ripartizione che metta a fuoco un aspetto ancora più importante dell’esistenza umana: la capacità di comunicare. A loro parere, pertanto, “un modo più esplicativo di guardare allo sviluppo umano consiste nell’individuare una serie di «epoche» in cui i nostri progenitori, sia primitivi che moderni, realizzano successivi progressi nella capacità di scambiare, tramandare, recuperare e diffondere informazione” [DeFleur-Ball-Rokeach 1989: 18]. Secondo gli autori citati, è stata proprio la competenza comunicativa a permettere agli uomini di tramandare ad altri le soluzioni ai problemi dell’esistenza, consentendo loro di modificarle, perfezionarle ed inventarne di nuove. Tenendo conto di questa importante idea, si potrebbe, a mio parere, suddividere l’arco storico in sei grandi “ere”: l’era dei segni e dei segnali, della parola, della scrittura, della stampa, della comunicazione di massa e di Internet. La prima “era” è quella dei “segni e dei segnali” in cui gli uomini si esprimevano, proprio come gli animali più evoluti, mediante rumori e movimenti del corpo che, però, impedivano loro di effettuare contemporaneamente altre operazioni. Essi comunicavano attraverso un numero limitato di suoni ma, in tempi lunghissimi, queste facoltà iniziarono a divenire più articolate e relativamente efficienti. Nonostante ciò, questa forma di comunicazione continuava a presentare enormi limiti, infatti, non permetteva la manifestazione di sentimenti, di stati d’animo e di emozioni, e impediva all’uomo l’articolazione di proposizioni e periodi complessi. Il passaggio all’ “era della parola”, che avvenne in un periodo compreso fra 90.000 e 40.000 anni fa, non fu un incidente dell’evoluzione, ma, una conquista molto importante

Anteprima della Tesi di Simone De Santis

Anteprima della tesi: Grafica e Web: nuove forme di comunicazione nell'attuale panorama tecnologico, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Simone De Santis Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8459 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.