Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quando il sito è vincente. Il caso di Winnerland.com

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 1.1.2 Il carattere sistemico Allo stesso tempo i media sono istituzioni sociali, con proprie norme e pratiche, apparati tecnologici e strumenti economici. Superando la concezione formalista che considera i media come oggetti distaccati e isolati dai loro contesti d’uso, Bolter e Grusin sostengono che le tecnologie “sono … artefatti materiali e costruzioni sociali” 16 . Secondo questo approccio le dimensioni materiali, economiche e sociali sono inseparabili a livello di analisi. In seconda battuta, i media fanno parte di un sistema. Parlare di sistema comporta l’individuazione di una relazione di interdipendenze e di complementarietà fra i diversi mezzi. Inoltre evidenzia la consapevolezza che “l’evoluzione di un singolo medium non può essere compresa a partire da una sua supposta ‘natura’ tecnica o ‘specifico’ culturale, ma tenendo conto dell’influenza che ciascuno dei media esistenti ha sullo sviluppo e le trasformazioni degli altri” 17 . La necessità di una visione di tipo sistemico è stata messa in luce in alcuni scritti che hanno influenzato la riflessione sulle teorie della comunicazione. Il riferimento è alla Dialettica dell’Illuminismo di Adorno e Horkheimer, il primo studio in cui compare l’uso del termine “industria culturale”. Mettendo da parte le caratteristiche storiche e il retroterra ideologico e filosofico della lettura proposta dagli studiosi francofortesi, è possibile rintracciare nella loro opera alcuni elementi ancora attuali. Essi sottolineano che l’industria culturale, intesa come apparato capitalista di riproduzione dell’ordine sociale e di dominio sull’individuo, è contraddistinta da un’unità di fondo. I diversi comparti che la compongono (film, radio, settimanali, ecc.) sono elementi che assumono un significato solo se vengono analizzati sulla base delle relazioni e dei rapporti che intrattengono reciprocamente. Anche McLuhan 18 ribadisce la necessità di mettere a fuoco l’azione reciproca dei diversi media poiché, agendo l’uno sull’altro, modificano i rapporti che ciascuno di essi intrattiene con gli altri e modificano il rapporto con i nostri sensi. Sebbene la teoria mcluhniana sia stata accusata di determinismo tecnologico poiché considera i media agenti di cambiamento culturale, ha avuto il pregio di evidenziare che l’inserimento di un nuovo mezzo di comunicazione in una società modifica la funzione, i significati e gli effetti dei media precedenti. In altre parole, l’introduzione di una nuova tecnologia non è un fatto a sé stante, ma comporta il rimodellamento dell’intero network di relazioni di cui fa parte. Come nota Meyrowitz “il principio importante implicito in questo discorso è profondamente radicato nella teoria e nell’ecologia dei sistemi: se aggiungiamo un nuovo fattore a un ambiente preesistente, il risultato non darà il vecchio ambiente più il nuovo fattore, ma un nuovo 16 Bolter J., Grusin R., Remediation. Understanding New Media, Cambridge, MIT Press, 1999; trad. it. Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi, Guerini e Associati, Milano, 2002, p. 108. 17 Ortoleva P., Mass media. Dalla radio alla rete, cit, p. 27. 18 McLuhan M., Understanding Media: the exstensions of man, McGraw-Hill, New York, 1964; trad. it. Gli strumenti del comunicare. Mass media e società moderna, Net, Milano 2002.

Anteprima della Tesi di Marco Di Mei

Anteprima della tesi: Quando il sito è vincente. Il caso di Winnerland.com, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marco Di Mei Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2421 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.