Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione economico-finanziaria nel project financing. Il caso Parco Millennium del Canavese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Nell’ultimo decennio si è potuto assistere ad un proliferare di operazioni in project financing: si tratta di uno strumento di finanziamento, il cui utilizzo dipende dalla capacità di una struttura produttiva di generare flussi di cassa che consentano all’iniziativa di sostenersi autonomamente, garantendo la restituzione del debito contratto. Quest’istituto gioca un ruolo molto importante per la partecipazione dei capitali privati nella realizzazione delle opere di pubblica utilità e delle infrastrutture, poichè può assicurare una redditività soddisfacente agli investitori, in base al complesso di accordi sottoscritti preliminarmente con gli interlocutori principali dell’iniziativa; il numero e la tipologia di opere realizzate mediante questa tecnica di finanziamento sono in continuo sviluppo, a causa della cronica carenza di risorse pubbliche che obbliga le Istituzioni a ricercare il coinvolgimento di operatori privati. Tuttavia l’origine e la storia del project financing appartengono all’ambito privatistico e risalgono agli anni ’30, quando negli Stati Uniti venivano strutturate le prime iniziative nel settore dell’energia. Nel Capitolo 1 verrà descritto brevemente il project financing, nelle sue numerose applicazioni pratiche, evidenziando come esso costituisca una tecnica in cui risultano coinvolti una molteplicità di soggetti e che si esplica in diverse tipologie; si cercherà di ricostruire il nesso delle relazioni contrattuali sottostanti ad un tipico intervento in finanza di progetto e le fasi che lo costituiscono, per poi presentare una breve esposizione sull’utilizzo del project financing nel Partenariato Pubblico-Privato e sulla normativa vigente in materia. Nel Capitolo 2, si affronterà il tema delle strutture di risk allocation, predisposte dalla project company per attenuare il profilo di rischio dell’iniziativa: si analizzeranno pertanto le diverse categorie di rischio che possono gravare sullo sponsor e, per ciascuna di esse, si presenteranno le principali strutture contrattuali predisposte allo scopo di cercare di “blindare” i flussi di cassa. Particolare attenzione verrà riservata al rischio di mercato, che, nei progetti d’investimento privati ed in parte in quelli pubblici, rappresenta uno dei fattori di incertezza maggiori: la project company, infatti, non dispone di una storia consolidata in termini di volumi di vendita su cui fare affidamento nel finanziamento della nuova iniziativa; per mitigare questo fattore di rischio, è auspicabile che la SPV riesca a siglare contratti di tipo Take-or-Pay, che normalmente sono utilizzati nel settore 5

Anteprima della Tesi di Pierluigi Padovan

Anteprima della tesi: La valutazione economico-finanziaria nel project financing. Il caso Parco Millennium del Canavese, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierluigi Padovan Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4838 click dal 25/01/2005.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.