Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione economico-finanziaria nel project financing. Il caso Parco Millennium del Canavese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Il Project Financing viene retrocessa alle banche partecipanti, sulla base dell’importo di finanziamento assunto da ciascuna di esse 5 . Risulta evidente la compresenza di numerosi attori tra loro eterogenei, che collaborano su vari livelli per raggiungere la realizzazione dell'opera, e che variano in base alla complessità del progetto e soprattutto alla quantità di capitale investito. 1.6. Valutazioni preliminari sui progetti Affinché un’opera possa essere finanziata con schemi di finanza di progetto, occorre generalmente che essa soddisfi un certo numero di requisiti tecnici ed economici: innanzi tutto vi deve essere un contesto giuridico ragionevolmente certo per il settore in cui l'opera deve essere realizzata, una durata della concessione adeguata ai requisiti di redditività dell'iniziativa e contratti commerciali che devono poter essere di tipo "chiuso" di lungo periodo; infatti, maggiore è la stabilità dei flussi e dell'ambiente di riferimento maggiore sarà la possibilità di attivare un'operazione di finanza di progetto, avendo la possibilità di ridurre i rischi impliciti di un'operazione di lungo periodo. Da un punto di vista economico, è necessario che il progetto abbia dimensioni economiche tali da giustificare i considerevoli costi di sviluppo, generalmente dovuti all’impiego di consulenti legali (documentazione finanziaria e contratti commerciali), tecnici (supervisione tecnica) e finanziari (consulenze finanziarie). Tali costi risultano, poi, particolarmente elevati in contesti in cui tali tecniche di finanziamento non hanno ancora un pieno sviluppo, ovvero residuano problemi strutturali al loro pieno impiego. L’applicazione di tecniche di finanza di progetto risulta particolarmente efficace per progetti isolabili dal punto di vista funzionale ed economico, perché tale isolamento consente una chiara identificazione dei flussi fisici e finanziari associati all’intervento ed agevola la costituzione di un’apposita società veicolo, dedicata alla realizzazione e gestione dell’iniziativa; inoltre, rende possibile una maggiore misurabilità delle performance, consentendo di associare una cattiva gestione del progetto ad indennizzi a carico del gestore da liquidare in favore del concedente. Risulta indispensabile, anche, la possibilità di identificare chiaramente i soggetti partecipanti all’iniziativa e i suoi principali rischi, per ottimizzarne l'allocazione, che rappresenta l'elemento più critico della finanza di progetto. 5 Albisetti R., “Finanza strutturata, tecniche e strumenti per la valutazione degli investimenti internazionali nel project financing”. 18

Anteprima della Tesi di Pierluigi Padovan

Anteprima della tesi: La valutazione economico-finanziaria nel project financing. Il caso Parco Millennium del Canavese, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierluigi Padovan Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4838 click dal 25/01/2005.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.