Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli elefanti del Tarangire. Uso dell'habitat e modelli di aggregazione nella stagione delle piogge

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5Capitolo 1 1 INTRODUZIONE 1.1 Filogenesi Moeritherium, non più grande di un grosso maiale, probabilmente privo di proboscide ma con un labbro superiore mobile, è stato rinvenuto nei terreni dell’Eocene superiore e dell’Oligocene inferiore dell’attuale regione egiziana di El Faiyum e si ritiene sia il proge- nitore dei proboscidati che, originati in Africa si sarebbero in seguito diffusi in Europa Asia e Nord America. Durante l’Oligocene (quaranta milioni di anni fa) il clima si fece più asciutto, e soprat- tutto i grandi mammiferi erbivori dovettero adattarsi alle nuove condizioni ambientali. I proboscidati dell’epoca, dovendo vivere in terreni aperti, anziché specializzarsi nella corsa e/o nel mimetismo criptico, seguirono una via evolutiva caratterizzata da: 1) aumento delle dimensioni; 2) allungamento delle ossa degli arti e sviluppo di un piede corto e largo; 3) sviluppo delle dimensioni delle ossa craniche con adattamenti fi nalizzati ad ottimizzare il rapporto dimensioni/peso e ad assicurare una temperatura ottimale per le funzioni cerebrali (aumento dello spessore della diploe); 4) sviluppo di una struttura faringea atta ad immagazzinare l’acqua; 5) sviluppo della lunghezza della mandibola, accompagnato da un accorciamento del cranio con conseguente spostamento del baricentro all’indietro onde compensare il peso della proboscide; 6) sviluppo della proboscide con conseguente rimodellamento delle ossa craniche della regione nasale, mascellare e mandibolare con conseguente accorciamento delle ultime due; 7) Accorciamento e irrobustimento del collo; 8) Eruzione orizzontale dei denti masticatorî; 9) Riduzione del numero di denti con conseguente specializzazione: i denti masti- catorî aumentano le dimensioni e sviluppano una corona caratterizzata da un numero sempre più elevato di lamelle e da una riduzione dello spessore dello smalto; 10) ipertrofi a e assunzione di una forma consona del secondo incisivo superiore sino al raggiungimento della struttura di “zanne”; 11) specializzazione della struttura della testa e degli apparati relativi, più rapida rispetto a quella degli altri apparati del resto del corpo: ad esempio l’apparato digestivo è

Anteprima della Tesi di Simona Dogà

Anteprima della tesi: Gli elefanti del Tarangire. Uso dell'habitat e modelli di aggregazione nella stagione delle piogge, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Simona Dogà Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 848 click dal 23/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.