Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli elefanti del Tarangire. Uso dell'habitat e modelli di aggregazione nella stagione delle piogge

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Capitolo 1 relativamente primitivo rispetto alla specializzazione della struttura dentaria. 12) Sviluppo della capacità di comunicazione tramite infrasuoni. Sembra che nei predecessori dei proboscidati si siano sviluppate prima le zanne, incisivi allungati, e successivamente la proboscide. Questi animali primitivi, anziché perfezionare gli arti per acquistare velocità nella corsa, e sfuggire alla pressione dei predatori, si incana- larono verso la robustezza e lo sviluppo delle difese dentali. Per sostenere queste e a causa del nuovo tipo di alimentazione, il cranio diventò sempre più massiccio e il collo corto e poco mobile rivestito da una potente fascia di muscoli. Non favorendo questa organizza- zione anatomica il foraggiamento, furono favorite quelle forme in cui il labbro superiore e il naso saldati assieme si sarebbero allungati fi no a dar luogo alla proboscide. Attualmente per descrivere la fi logenesi dei proboscidati si fa ricorso ad un approccio per cui vi sarebbero tre direzioni evolutive principali che corrispondono a determinati habitat. La prima direzione evolutiva risale al Paleocene e all’Oligocene, la seconda al Miocene e la terza inizia dal Miocene superiore e dura fi no all’epoca attuale. Questo tipo di approccio è più orientato verso le linee evolutive dei proboscidati e le loro origini piuttosto che verso le relazioni tra di loro. Tutti i taxa della prima radiazione, ad eccezione del Mammut ameri- canum, cambiano i denti nel modo usuale di tutti i mammiferi: verticalmente. Mammut americanum ed i proboscidati della seconda e della terza radiazione cambiano i denti in modo orizzontale, condizione conseguente all’accorciamento della mandibola che è divenuta troppo corta per “ospitare” tutti i premolari ed i molari contemporaneamente. Questo sistema a “nastro trasportatore” si sarebbe evoluto contemporaneamente ad un aumento della dimensione dei denti e del numero o della complessità delle cuspidi o delle creste trasversali. Vi furono altre due signifi cative tendenze evolutive. I proboscidati della prima “radia- zione” erano principalmente brucatori, quelli della seconda e della terza fondamental- mente pascolatori (Shoshani 1998). I primi elefanti noti risalgono al tardo Miocene inizio Pliocene. Il genere Primelephas si deve essere sviluppato nei generi Elephas, Loxodonta e Mammuthus. Un carattere unico, presente nei maschi e nelle femmine di questi generi è la ghiandola temporale sottocuta- nea, localizzata a lato della faccia e avente un orifi cio tra l’occhio e l’orecchio. Tale ghian- dola, presente sia nei maschi che nelle femmine, ha prevalentemente funzione nella comu- nicazione sociale della dominanza. Sulla base della forma e della dimensione della fossa

Anteprima della Tesi di Simona Dogà

Anteprima della tesi: Gli elefanti del Tarangire. Uso dell'habitat e modelli di aggregazione nella stagione delle piogge, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Simona Dogà Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 848 click dal 23/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.