Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla strategia ai comportamenti: la Balanced Scorecard come sistema di valutazione delle prestazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Limiti all’approccio tradizionale del controllo strategico 1 1.LIMITI ALL’APPROCCIO TRADIZIONALE DEL CONTROLLO STRATEGICO 1.1 INTRODUZIONE Nell’era industriale, vale a dire dal 1850 al 1975 circa, il successo delle società dipendeva dalla loro capacità di trarre il massimo profitto possibile da economie di scala e di raggio d’azione. La tecnologia aveva il suo peso, certo, ma in ultima analisi il successo premiava quelle società che si dimostravano capaci di innestare la nuova tecnologia su beni reali, offrendo così un’ efficiente produzione di massa di prodotto standard. Durante l’era industriale, società come la General Motors, la Dupont, la Matsushita e la General Electric hanno elaborato sistemi di controllo economico- finanziario per facilitare e monitorare sistemi efficienti di ripartizione del capitale finanziario e materiale. Tuttavia l’avvento dell’era dell’informazione, negli ultimi decenni del XX secolo, ha reso obsoleti molti dei presupposti essenziali della concorrenza nell’età industriale. Le imprese non potevano ottenere un consistente vantaggio competitivo con la semplice adozione della nuova tecnologia nell’ambito dei beni reali e con la valida gestione dell’attivo e del passivo finanziario. Quest’impatto è ancor più rivoluzionario per le imprese di servizi che per quelle manifatturiere. Molte società di servizi, in particolare quelle attive nei settori dei trasporti, delle infrastrutture, delle telecomunicazioni, della finanza e della sanità, operavano da decenni in comodi ambienti non competitivi. Godevano di una libertà limitata per quanto riguardava l’ingresso in nuovi settori e la determinazione dei prezzi per i loro prodotti; in compenso, però, i regolatori introdotti dal governo proteggevano queste società da concorrenti potenzialmente più efficienti o innovativi e fissavano i prezzi a un livello che forniva adeguati ritorni sul capitale investito e in relazione ai costi. E’ chiaro che negli ultimi tempi abbiamo assistito ad un’attività di liberalizzazione degli scambi molto intensa grazie alla realizzazione di istituzioni economiche internazionali, prima fra tutte il WTO. L’ambiente dell’era dell’informazione richiede nuove capacità competitive tanto nelle imprese manifatturiere che nelle imprese di servizi, allo scopo di ottenere il

Anteprima della Tesi di Dino Sabellico

Anteprima della tesi: Dalla strategia ai comportamenti: la Balanced Scorecard come sistema di valutazione delle prestazioni, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Dino Sabellico Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10881 click dal 26/01/2005.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.