Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla strategia ai comportamenti: la Balanced Scorecard come sistema di valutazione delle prestazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Risorse tangibili e intangibili Limiti all’approccio tradizionale del controllo strategico 8 1.2 RISORSE TANGIBILI E INTANGIBILI Negli ultimi anni si è riconosciuto che per valutare un’impresa e il suo management è necessario considerare valore e rendimento non solo delle risorse materiali che utilizzano, ma anche delle persone che animano le attività dell’impresa e ne determinano i risultati: il capitale umano. Analogamente per quanto accade per le risorse materiali (terreni, fabbricati, impianti e strumentazione varia) e alcune immateriali (marchi e brevetti), per la valutazione delle prospettive di un impresa si è riconosciuto che risulta essenziale disporre di indicatori che consentano di seguire nel tempo le variazioni di valore del patrimonio umano ad essa disponibile. Nel processo di formulazione strategica il management è chiamato a stabilire quali segmenti di mercato/bisogni clienti servire e, nello stesso tempo, quali capacità e skills del personale integrare nonché quali sistemi informativi e organizzativo - gestionale adottare. Nel compiere queste scelte l’attenzione è rivolta a far sì che si possano realizzare attività di servizio al cliente che siano uniche ai suoi occhi. Oggi tale processo deve avvenire con la piena consapevolezza che la capacità di offrire valore al cliente dipende dalle competenze sviluppate e consolidate nel tempo, vale a dire dall’integrazione di questi elementi: conoscenze, assets fisici e persone (figura seguente). Si ricordi però che le competenze ricercate dall’impresa devono essere distintive rispetto a quelle dei concorrenti. Esse lo diventano solo se: generano valore per il cliente, hanno un ampio spettro di applicabilità in termini di prodotti e processi produttivi e, da ultimo, sono altamente protette a causa della difficile imitabilità. Basti pensare alla competenza distintiva sviluppata da Sony nella miniaturizzazione, da Hewlett-Packard nella elaborazione dei dati e informazioni, da Apple nel design e da DHL nella consegna dei pacchi. Le competenze di un’impresa devono divenire specifiche e difficilmente acquisibili dai concorrenti. Esse devono essere il frutto dell’integrazione profonda delle risorse create attraverso l’uso di processi organizzativi sviluppati ad hoc. Pur contribuendo in modo rilevante alla soddisfazione del cliente in relazione al valore che egli percepisce, le competenze dell’impresa possono non essergli note né tanto meno visibili. Le competenze sono processi, di natura sia tangibile che intangibile, che l’impresa ha sviluppato nel tempo. Possono essere considerate dei beni intermedi,

Anteprima della Tesi di Dino Sabellico

Anteprima della tesi: Dalla strategia ai comportamenti: la Balanced Scorecard come sistema di valutazione delle prestazioni, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Dino Sabellico Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10882 click dal 26/01/2005.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.