Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il multiforme universo di Alda Merini. Temi e figure.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 INTRODUZIONE Fra i rappresentanti della generazione del ’56 – cioè degli autori più o meno riconducibili ai paradigmi dello sperimentalismo e della sperimentazione - si inscrive senz’altro la figura umana e poetica di Alda Merini. Ciò che accomuna questo gruppo è, probabilmente, una dato negativo, e cioè l’essersi affermati dopo, o comunque il situarsi decisamente altrove rispetto al momento aggregativo e programmatico della nostra avanguardia. Avere vent’anni (o, si capisce, qualcuno di più o di meno) nel 1956, ha voluto dire formarsi e crescere in un clima fortemente segnato dalla caduta delle certezze ideologiche e delle speranze di mutamento sociale, che avevano caratterizzato il primo decennio postbellico e, d’altra parte, dall’affiorare di nuove, diversissime certezze e speranze. Sul piano più strettamente letterario, è in questi anni, e su molti di questi poeti, che produce i suoi maggiori effetti l’assimilazione (iniziata nel decennio precedente) di modelli stranieri ignorati o poco frequentati fino a quegli anni. Decisivo, per quanto riguarda la poesia, è il passaggio da un’area d’influenza francese e spagnola (ancora prevalenti per la maggior parte dei

Anteprima della Tesi di Silvia Maria Anna Dipace

Anteprima della tesi: Il multiforme universo di Alda Merini. Temi e figure., Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Silvia Maria Anna Dipace Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17720 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.