Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fumo passivo e ambiente di lavoro: quadro medico, normativo e orientamenti giurisprudenziali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 verificherebbe una discriminazione ingiustificata tra quanti sono impiegati presso strutture pubbliche e quanti lavorano in ambienti privati. Comunque, questa normativa segna il cambiamento del modo di sentire un problema quale quello del fumo passivo, che solo negli ultimi anni ha “ricevuto” l’attenzione che si merita, riconoscendolo come inquinante ambientale, di tipo cancerogeno, in grado di aumentare in maniera considerevole il rischio di neoplasie polmonari e di malattie cardiovascolari, oltre gli ordinari disturbi, ad esempio irritazione di occhi e gola. Non è prevedendo divieti e sanzioni che si sconfiggerà il fumo occorrono anche campagne ed interventi che mirino a promuovere interventi di educazione sanitaria relativi alla nocività del fumo, sia attivo che passivo. Il crescente orientamento della politica sanitaria verso la lotta al tabagismo è testimoniato dal Piano Sanitario Nazionale per il triennio 1998-2000, che aveva come obiettivi specifici la promozione del rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici e negli ambienti di lavoro, l’attuazione di interventi di prevenzione, destinati soprattutto alla popolazione in età scolare, la realizzazione di campagne mirate a promuovere l’interruzione del fumo tra le donne in gravidanza, il sostegno di azioni volte a favorire la disassuefazione dal fumo, prevedendo l’impegno anche del personale medico attraverso programmi di efficacia provata. La prevenzione dei danni derivanti dall’esposizione attiva e passiva al fumo di tabacco è oggetto anche del Piano Sanitario Nazionale 2003- 2005: nell’ambito del progetto 9 “Promuovere gli stili di vita salutari,la prevenzione e la comunicazione pubblica sulla salute”, si prevedono strategie di intervento che abbracciano più settori, ma tutte collegate tra loro.

Anteprima della Tesi di Carmen Cannavale

Anteprima della tesi: Fumo passivo e ambiente di lavoro: quadro medico, normativo e orientamenti giurisprudenziali, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Carmen Cannavale Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7075 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.