Skip to content

Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 LE FONTI DEL DIRITTO Le diverse dominazioni succedutisi nell’Italia meridionale ed in Sicilia, nel corso dei secoli, hanno lasciato un immenso quanto eterogeneo materiale legislativo. Gli avvenimenti del 1806 che determinarono la divisione politica del Regno di Napoli dalla Sicilia, impressero all’uno ed all’altra una diversa evoluzione giuridica. Nel Continente, Giuseppe Bonaparte abolì la feudalità 19 introducendo il Codice Napoleone; in Sicilia, la feudalità venne abolita con l’art.XI delle “Basi della Costituzione” del 1812 20 , ma il governo costituzionale, asservito alle autorità inglesi, non fece che aggravare, con abusi e disordini, la situazione preesistente. Con l’unificazione dei due Regni a seguito della Restaurazione, su consiglio di ministri illuminati come Luigi de’ Medici 21 e Donato Tommasi, Ferdinando I decise di lasciare in vigore la legislazione del “Decennio” assumendosi, in tal modo, il compito riformatore e divenendo egli stesso veicolo di quelle idee da cui aveva quasi integralmente preservato la Sicilia anzitempo. Quindi, abbiamo detto, permase il Codice Napoleone, seppur con parziali modifiche imposte dal buon costume e dal rispetto della religione ufficiale dello Stato: difatti vennero aboliti il divorzio, con R.D. del 13 giugno 1815, istituto ripugnante al costume nazionale 22 , ed il matrimonio civile, sostituito da quello dettato dai canoni del Concilio di Trento. 19 Fino agli ultimi anni del secolo XVIII, il problema centrale del diritto pubblico concerneva i rapporti tra potere regio e feudalità appunto. 20 Leggere in Appendice. 21 Luigi de' Medici, principe d'Ottaviano e duca di Sarno (Napoli 1759-Madrid 1830). Reggente della corte della Vicaria dal 1791, sospettato di giacobinismo nel 1795, venne presto riabilitato e nel 1803 e 1804 fu incaricato di dirigere le finanze reali e la segreteria di Stato. Incautamente consigliò nel 1805 il Re di accogliere gli Anglo-Russi nel Regno e dovette fuggire in Sicilia con la corte al momento dell'invasione francese. Benché in urto con lord Bentinck, rimase sempre fedele all'alleanza britannica. Inviato quale rappresentante del Regno al Congresso di Vienna ottenne che i regni di Napoli e insulare si fondessero nel Regno delle Due Sicilie (1816). In pratica a capo del governo dal 1815 e seguace delle teorie liberiste concepì la restaurazione in termini essenzialmente economico-finanziari e fu tra i creatori della marina mercantile del Regno. Nel 1818 concluse un concordato con la Santa Sede e nel 1819 promulgò un nuovo codice di leggi. Rifugiato a Roma durante i moti del 1820, al suo ritorno liquidò Canosa e Troja, poiché mirava a seguire una strada di moderato liberalismo. Fu ottimo finanziere. Morì a Madrid dove aveva accompagnato Francesco I in un viaggio ufficiale. 22 G.Astuti, Il Code Napoléon in Italia e la sua influenza sui codici degli Stati italiani successori, in Atti del Convegno Napoleone e l’Italia, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1973, vol. I, p.192.
Anteprima della tesi: Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860, Pagina 14

Preview dalla tesi:

Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Spagnuolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Università degli Studi San Pio V di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Errico Cuozzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1815
1860
borboni
due sicilie
istituzioni
storia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi