Skip to content

Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 La storia 3 delle Due Sicilie cominciò nel lontano 1130 con i Normanni e il loro sovrano Ruggero II, il Regno durò 730 anni e i suoi confini restarono in pratica invariati comprendendo molti comuni con origine greca; le dinastie che si susseguirono erano di origini straniere e questo avvenne per l'oggettiva incapacità di generarne una propria, ma occorre rilevare che i loro sovrani divennero in breve dei Meridionali a tutti gli effetti, assumendone la lingua e le usanze. Ai Normanni (1130-1194), seguirono gli Svevi (1194-1266), gli Angioini (1266- 1442) e gli Aragona (1442-1503); a loro subentrarono gli Spagnoli (1503-1707) e poi gli Austriaci per solo ventisette anni (1707-1734); i più importanti sovrani delle varie casate furono nell’ordine: Ruggero II d’Altavilla, Federico II di Svevia, Carlo I d’Angiò, Alfonso I d’Aragona e il vicerè spagnolo Pedro de Toledo. Nel 1734 la Spagna rioccupò il Regno strappandolo agli Asburgo dando origine così all’era borbonica con i suoi Re Carlo (1734-1759), Ferdinando I (1759-1825), Francesco I (1825-1830), Ferdinando II (1830-1859) e Francesco II (1859-1861) 4 , interrotta solo per un decennio dai Francesi (1806-1815) con i Re Giuseppe Bonaparte (1806-1808) e Gioacchino Murat (1808-1815). Con la Restaurazione imposta dal Congresso di Vienna nel 1815, ed il riconoscimento di “Ferdinando I, Re del Regno delle Due Sicilie”, di fatto si fusero i Regni di Napoli e di Sicilia in uno solo, senza – tuttavia – riuscire a porre fine a 3 Riguardo all’origine del nome "Regno delle Due Sicilie”, sappiamo che a seguito della rivoluzione del Vespro del 1282, gli Angioini vennero scacciati dalla Sicilia. Carlo I d’Angiò, pur essendo a Napoli, continuò a definirsi "Re di Sicilia", mentre a Palermo lo stesso titolo di Re di Sicilia venne assunto da Pietro D'Aragona. Seguirono venti anni di guerre e dispute, che si conclusero con la pace di Caltabellotta del 1302. Venne stabilito che la Sicilia fosse ceduta temporaneamente a Ferdinando I d'Aragona, subentrato a Pietro nel 1285, che assunse il titolo di Re di Trinacria, mentre Carlo II d'Angiò, detto lo Zoppo, continuò a portare il titolo di Re di Sicilia. Alla morte di Ferdinando la Sicilia doveva ritornare agli Angioini. Le cose non andarono però come previsto: gli Aragonesi non lasciarono l'isola; Ferdinando venne consacrato Re da Papa Bonifacio VIII nel 1327 e continuarono a chiamarsi Re di Sicilia, titolo al quale non rinunciarono neanche gli Angioini di Napoli che continuarono a chiamarsi anche loro Re di Sicilia. Per tali motivi, fino all'8 dicembre del 1816, ci furono due Regni di Sicilia: il titolo rivendicato a Napoli e quello rivendicato a Palermo. A volte il Re era diverso, a volte unico (a seconda delle circostanze). Quando era unico il Re si proclamava Re delle Due Sicilie (utriusque Siciliae Rex), ma non del "Regno", che significava Re della Sicilia di Palermo e di quella di Napoli. Da notare che nei periodi in cui i Re furono diversi, entrambi si definirono Re di Sicilia. Questo stato di cose durò fino all'8 dicembre del 1816, data in cui Ferdinando di Borbone (III di Sicilia e IV di Napoli) firmò a Caserta un decreto con il quale cancellava i due regni e ne inventava un terzo proclamandosi "Ferdinando I , Re del Regno (uno ed uno solo) delle Due Sicilie. Questa non era una decisione estemporanea, ma il risultato delle trame internazionali a cui il Congresso di Vienna del 1815 aveva dato veste definitiva. 4 Per i profili di ciascun Re del Regno delle Due Sicilie, leggere in Appendice.
Anteprima della tesi: Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Spagnuolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Università degli Studi San Pio V di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Errico Cuozzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1815
1860
borboni
due sicilie
istituzioni
storia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi