Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 POPOLAZIONE E CITTADINANZA La popolazione – negli ultimi due secoli – è continuamente aumentata. Le province continentali, nella seconda metà del 1600, contavano circa 2.700.000 abitanti; nel 1815, gli abitanti salirono a 5.060.000, nel 1836 a poco più di 6 milioni, per poi diminuire a seguito del colera 14 . Relativamente alla Sicilia, i dati non sono altrettanto sicuri per i criteri poco razionali usati nei censimenti e per il gran numero di denunce false provocate da preoccupazioni fiscali; soltanto nel 1846 fu possibile contare nell’isola 2.245.727 abitanti per un totale complessivo nel Regno di 8.423.316, che nel 1856 superò i nove. Napoli era la città più popolosa d’Italia e quindi anche del Regno; contava oltre 447.000 abitanti; Palermo ne aveva poco più di 194.000; Messina, secondo centro commerciale e marittimo del Regno dopo Napoli, oltre 203.000; Catania 69.000; nessun altro centro raggiungeva i 50.000 abitanti. La persona fisica che apparteneva, per legge, al popolo del Regno delle Due Sicilie era detta nazionale e ad essa competeva il godimento dei diritti civili e politici. Il termine cittadino si riscontrava in dottrina con un significato più ristretto, cioè per indicare i soggetti che godevano i diritti politici in un determinato comune ed erano eleggibili in quanto tali 15 . Erano nazionali del Regno i figli di padre nazionale, anche se nati all’estero, e le donne straniere sposate con un nazionale 16 . 14 G.De Sivo, Storia delle Due Sicilie dal 1847 al 1861, cit., vol. I, p.66. 15 F. Dias, Corso completo di diritto amministrativo ovvero esposizione delle leggi relative all’amministrazione civile ed al contenzioso amministrativo del Regno delle Due Sicilie, Napoli, Pellizzone, 1854, vol. I, p.18. 16 Reg. Min. Affari Interni, 25 settembre 1846, in P. Petitti, Repertorio amministrativo ossia collezioni di leggi, decreti, reali rescritti, ministeriali di massima, regolamenti ed istruzioni sull’amministrazione civile del Regno delle Due Sicilie, Napoli, Sautto, 1856, 6^ ed., vol. III, p.145.

Anteprima della Tesi di Paolo Spagnuolo

Anteprima della tesi: Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paolo Spagnuolo Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9791 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.