Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme amorfe in un campo vitale: i gruppi creativi nella vita e nel pensiero di Gregory Bateson

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dell’interdisciplinarità, le missioni condivise con altre persone, i frutti del lavoro esteso ad altri. Questi sono i temi che caratterizzano i gruppi creativi, secondo De Masi, e che descriveremo nella seconda parte, in particolare nei capitoli 2.1-2.4. Vorremmo terminare questa introduzione ricordando come la storia della composizione di questo testo percorra una traiettoria circolare. Questa storia cominciò, anni orsono, come un tentativo di studiare il concetto di ‘idee immanenti nei sistemi complessi’ che Gregory Bateson affrontò in Mente e natura e Verso un’ecologia della mente. Il lavoro si interruppe per le difficoltà incontrate nel focalizzare il tema. Successivamente, col favore di un buon vento in poppa procurato dal desiderio di concretizzare le riflessioni fatte, dai buoni amici e da una rotta facilitata dalla disponibilità della relatrice e del suo assistente, il lavoro di scrittura riprese. Da prima rivisitando le poche righe scritte in passato, i diversi libri letti, gli appunti presi e le riflessioni fatte che fermentarono nel temo. Poi divenne chiara la necessità di focalizzare l’attenzione su un tema ben delimitabile nei testi e nella testa disponibili. Questo tema non è altro che il processo creativo collettivo dato vita, in momenti diversi, da Bateson e colleghi e che abbiamo chiamato gruppi creativi. E qui il circolo si chiude in quanto lo studio dei gruppi creativi ci ha obbligato ad affrontare molti temi inerenti a ‘l’ecologia della mente’. Questa non è poi una cosa strana. Infatti, Bateson, chiamava in modo provocatorio ‘mente’ tutto il problema delle ‘idee immanenti nei sistemi complessi’ e i gruppi creativi vennero considerati da Bateson come dei processi con proprietà mentali. E il processo mentale viene definito da Bateson come l’ecologia delle idee all’interno di un sistema sufficientemente complesso. Questo aspetto specifico de ‘l’ecologia delle idee’ lo affronteremo nell’ultimo capitolo. 11

Anteprima della Tesi di Cristiano Zancarli

Anteprima della tesi: Forme amorfe in un campo vitale: i gruppi creativi nella vita e nel pensiero di Gregory Bateson, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Cristiano Zancarli Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1284 click dal 31/01/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.