Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Orientamenti giurisprudenziali e dottrinali sull'art. 2103 del c.c. in tema di mansioni del lavoratore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 attenuando gli effetti della garanzia retributiva, ciò per evitare che lo spostamento interno del lavoratore produca un eccessivo aggravio economico per il datore di lavoro, riducendo lievemente il campo d’applicazione dei patti contrari e prevedendo sempre più ampie ipotesi di modificabilità in pejus delle mansioni. E’ quindi, in questa nuova luce di maggior spazio alla modificabilità delle mansioni che deve essere letto l’art. 2103 c.c. se non vuole costituire un ostacolo, diventando sempre più punto di frizione allo sviluppo professionale del prestatore di lavoro e al mantenimento del suo posto di lavoro.

Anteprima della Tesi di Angelo Milito

Anteprima della tesi: Orientamenti giurisprudenziali e dottrinali sull'art. 2103 del c.c. in tema di mansioni del lavoratore, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angelo Milito Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3996 click dal 31/01/2005.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.