Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 furono ripensate, i movimenti si avvicinarono alle istituzioni mentre i partiti verdi si affacciarono alle diatribe parlamentari. In questa fase si era convinti che la risposta ai problemi ambientali andava cercata in un’ulteriore modernizzazione industriale. Si sviluppa il concetto di prevenzione 15 . Sebbene il discorso di modernizzazione ecologica riguarda, i Paesi più industrializzati, il suo corrispettivo in ambito globale è dato dal concetto di “sviluppo sostenibile”. Lo sviluppo sostenibile fu definito per la prima volta nel Rapporto Brundtland (WCED, 1987) come “lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri”. Le dimensioni che entrano in gioco sono quella sociale, economica ed ambientale. La sostenibilità non si limita all’aspetto intergenerazionale, ma mira alla ponderazione della dimensione ecologica, sociale ed economica 16 . Si cerca di garantire una base per l’esistenza, in particolare nel caso delle popolazioni in via di sviluppo 17 . Sui modi in cui questo deve avvenire ci sono due correnti di pensiero: la cosiddetta sostenibilità forte e la sostenibilità debole 18 . La prima, la cosiddetta concezione ecocentrica, nega la sostituibilità perfetta fra le diverse forme di capitale (naturale e prodotto dall’uomo), perché considera il capitale naturale insostituibile e lo tratta separatamente; non accettando l’idea che le infrastrutture costruite dall’uomo possano adeguatamente compensare 15 B. De Marchi, L. Pellizzoni, D. Ungano, “Il rischio ambientale”, il Mulino 2001. 16 W. Kahlenborn, R.A. Kraemer, “Sostenibilità e gestione delle acque in Germania“, Economia delle fonti di energia e dell’ambiente 1997, 3, 23-25. 17 La commissione Brundtland era formata per lo più da rappresentanti di Paesi del terzo mondo. 18 L. Circolo, M. Giacco, A. Morgante, V. Riganti, “Merceologia” Monduzzi Editore , Bologna 1998.

Anteprima della Tesi di Roberto Giansalvo

Anteprima della tesi: Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Giansalvo Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5707 click dal 02/02/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.