Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 tradotti in azioni locali, secondo il principio “think globally, act locally” 23 . Gli orientamenti della Conferenza di Rio, sono stati accolti dal V Programma d’Azione dell’Unione Europea per l’ambiente del 1992 (1993/2001), su cui è opportuno fermarci brevemente giacché ci fu un notevole salto di qualità rispetto ai precedenti. Questo Programma intende operare un cambiamento delle tendenze e delle pratiche nocive per l’ambiente. Per garantire benessere, espansione sociale ed economica alle generazioni attuali e future, si tende ad un cambiamento del modello di comportamento della società incentrandolo sul principio della “responsabilità condivisa”. La Commissione Europea dichiarava, infatti, che “la realizzazione dell’equilibrio auspicato tra attività umana e sviluppo, da un lato, e protezione dell’ambiente, dall’altro, richiede la ripartizione delle responsabilità chiaramente definita rispetto ai consumi ed al comportamento nei confronti dell’ambiente e delle risorse naturali”. Mentre i precedenti Programmi d’Azione prevedevano quasi esclusivamente provvedimenti legislativi, il Quinto prevede oltre a questi, strumenti di mercato, strumenti orizzontali di supporto (formazione, dati statistici, informazione del pubblico) e meccanismi di sostegno finanziario 24 . Con questo Programma ci fu il definitivo superamento della concezione della politica ambientale come politica settoriale esclusivamente regolata da strumenti basati sul principio del comando e controllo. 23 M. Frey, F. Iraldo, “Il ruolo delle imprese nella costruzione dello sviluppo sostenibile, Economia delle fonti di energia e dell’ambiente, 2000, 3, 19-37. 24 F. La Ferla, “Sesto programma UE per l’ambiente: quali prospettive per le PMI industriali”, Ambiente e sviluppo 2003, 1, 23-28.

Anteprima della Tesi di Roberto Giansalvo

Anteprima della tesi: Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Giansalvo Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5707 click dal 02/02/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.