Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 con l’ambiente, perché ritiene che da esso può trarne vantaggi economici. L’Unione Europea ha da qualche tempo deciso di sostenere quest’approccio delle aziende affiancando, a norme che impongono limiti di emissione e prevedono sanzioni per il mancato rispetto di standard, regolamenti, protocolli d’azione volontari ai quali le imprese possono scegliere di aderire. Fino a poco tempo fa i pubblici poteri avevano puntato, particolarmente in Italia, sugli strumenti di “command and control”, vale a dire sull’uso di norme di legge allo scopo di imporre determinati standard seguiti da sistemi di controllo e sanzione. Questi mezzi si sono rilevati inadatti per alcune implicazioni a volte contraddittorie; infatti, se da una parte essi possono creare stimoli ad innovare, incentivare lo sviluppo di nuove imprese, dall’altra possono favorire la dislocazione delle attività in aree più tolleranti in tema ambientale o appesantire eccessivamente gli obblighi burocratici, deprimendo l’imprenditorialità e ostacolando le imprese italiane impegnate in una competizione internazionale. Le norme cogenti in materia ambientale non possono essere più disattese, ma può essere utile anche adottare un approccio proattivo, in modo da vivere l’ambiente non solo come un vincolo, ma anche come fonte di opportunità. L’esempio più rappresentativo di questi nuovi strumenti sono le norme di carattere volontario come la norma internazionale UNI EN ISO 14000 del 1996 in materia di Sistemi di Gestione Ambientale (SGA), ed il Regolamento comunitario n. 1836/1993, intitolato EcoManagement and Audit Scheme (EMAS),

Anteprima della Tesi di Roberto Giansalvo

Anteprima della tesi: Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Giansalvo Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5707 click dal 02/02/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.