Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 recentemente sostituito dal Regolamento CE n. 761/2001, introdotto dall’Unione Europea nell’ambito del V Programma d’Azione sull’Ambiente per sperimentare concretamente l’iterazione tra gli strumenti di command e control con quelli di carattere volontario basati su dinamiche di mercato. Porsi in un’ottica di custodia ambientale consente di raggiungere vantaggi interni ed esterni, permette di ottimizzare l’utilizzo delle risorse interne, eliminando i possibili sprechi, migliorare la propria immagine nei confronti dell’opinione pubblica, instaurare un dialogo diretto con le istituzioni di controllo e la popolazione locale evitando l’insorgere di fenomeni di stato di conflitto, guadagnandone fiducia, avviare un rapporto di tipo costruttivo e cooperativo, fino alla prevenzione delle crisi ambientali sul sito produttivo. Altro fattore fondamentale che potrebbe spingere le imprese verso la tutela ambientale, sono gli incentivi concessi alle imprese ecoefficenti. Il Regolamento EMAS non ha fatto altro che tradurre in una legge comunitaria la spinta che, in realtà, proveniva dall’intero apparato industriale. EMAS non propone limiti ambientali oltre a quelli già previsti, ma indica invece strumenti gestionali attraverso cui l’azienda può raggiungere gli obiettivi che essa stessa ha fissato, in un costante e ragionevole miglioramento continuo, adeguando il sistema gestionale, e comunicando all’esterno i risultati. L’atto finale del percorso è la registrazione del sito (organizzazione), che avviene dopo che l’azienda ha presentato all’Organismo Competente la Dichiarazione Ambientale convalidata.

Anteprima della Tesi di Roberto Giansalvo

Anteprima della tesi: Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Giansalvo Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5707 click dal 02/02/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.