Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Alcuni fanno invece risalire la nascita del “problema ambientale” al 1972, anno della pubblicazione de I Limiti dello sviluppo 4 , in cui salirono alla ribalta il problema del sovrappopolamento e dell’insostenibilità della crescita economica. E’ ormai passato molto tempo da quando Adam Smith e David Ricardo affermarono che in cambio dell’acqua e dell’aria non si deve nulla perché essi erano presenti in quantità illimitata 5 ; difatti le risorse naturali non erano considerate beni “economici” 6 . Il rapporto sui limiti dello sviluppo, pur partendo da un modello approssimativo e semplificato 7 , fece notare come l’inquinamento ed il rapido esaurimento delle risorse energetiche rendevano prossimo quel disastro contestato da coloro che avevano un’eccessiva fiducia nel sistema tecnologico. L’unica possibilità di salvezza stava nell’immediato cambio di rotta, vale a dire riducendo drasticamente l’incremento della popolazione, l’investimento industriale e quello agricolo e trasferendo, nello stesso tempo, risorse ai paesi meno sviluppati 8 . Nonostante le critiche radicali, il merito del modello fu quello di porre l’attenzione sulla “questione ambientale”. A dimostrare che il dibattito è ancora attuale alcuni economisti, Robert M.Solow, Paolo Sylos Labini, Jeremy Rifkin, hanno condotto recenti studi sostenendo che “uno sviluppo senza limiti determina un peggioramento della qualità della vita ed una maggiore vulnerabilità 4 Il cosiddetto Rapporto Meadows, commissionato dal club di Roma al Massachussets Intitute of Tecnology (MIT) di Boston. 5 Al tempo questo fondamento poteva tuttavia ritenersi giustificato. 6 L.C. Lucianetti, “Produzione, consumo e tutela ambientale, analisi e proposte”, Libreria dell’Università Editrice, Pescara 1997. 7 La ricerca è stata attuata tramite il modello della dinamica dei sistemi di Forrester. 8 D.H. Meadows ed altri, “The limits to Growth”, Universe Books, New York 1972, trad. It. “I limiti dello sviluppo”, Mondadori, Milano 1981.

Anteprima della Tesi di Roberto Giansalvo

Anteprima della tesi: Studio sugli strumenti volontari di gestione ambientale: Analisi delle dichiarazioni ambientali EMAS relative a cicli di smaltimento dei rifiuti, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Giansalvo Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5707 click dal 02/02/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.