Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di sostenibilità tra rio 1992 e johannesburg 2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Introduzione La nozione di Ambiente appartiene all’insieme dei concetti globali e complessi, difficilmente circoscrivibili all’interno di una definizione univoca e universalmente accettata.Questa multi-dimensionalità del termine è frutto di una serie di stratificazioni ed estensioni semantiche alimentate negli ultimi anni dal sempre più crescente verso le problematiche ambientali. Non di rado questo termine slitta semanticamente a quello di natura e mondo naturale.Questo è a rigore improprio perché natura e mondo naturale includono anche l’uomo mentre, per definizione, l’Ambiente (dell’uomo) lo esclude, in quanto è ciò che gli sta attorno. Il critico rapporto tra Ambiente e Sviluppo delle attività umane, quale si è venuto ad accentuare negli ultimi decenni, e in particolare, tra il limite delle risorse di materie prime e di energia e i bisogni crescenti di una popolazione mondiale sempre più numerosa hanno reso urgente l’orientamento verso una nuova concezione dello sviluppo economico: Sviluppo, appunto, per il quale si è cercato di trovare impegno nei due ultimi vertici della Terra di Rio (1992) e di Johannesburg (2002). La via verso uno Sviluppo sostenibile si basa sul contenimento dei consumi energetici (attraverso il risparmio, il riciclaggio e la dematerializzazione) e sulla riduzione dell’impatto ambientale delle attività produttive con l’impiego di un’agricoltura, un’industria e una tecnologia coniugabili con le necessità di tutela ambientale, a garanzia di un patrimonio, in termini di risorse e di qualità della vita da trasmettere alle generazioni future. In ogni caso, una politica ambientale matura ha soprattutto carattere preventivo e utilizza contestualmente strumenti tecnici e fiscali, ma questo è possibile solo se alcune regole vengono effettivamente osservate in modo fisiologico, come naturale componente dell’agire economico e sociale: la scelta tra prevenzione e repressione non è dunque affidata in astratto esclusivamente al legislatore, ma discende dai reali processi economici, sociali e politici. Un grande ostacolo alla realizzazione di un armonioso e ed efficace sistema di tutela ambientale è costituito dalla pubblica amministrazione, troppo debole e poco indipendente, finora incapace di controllare e gestire i fenomeni ambientali.

Anteprima della Tesi di Francesco Massidda

Anteprima della tesi: Il concetto di sostenibilità tra rio 1992 e johannesburg 2002, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Massidda Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2413 click dal 08/02/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.