Skip to content

Comunicazione e prodotti editoriali nel mondo del calcio - I casi di Milan e Inter

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Comunicazione e prodotti editoriali nel mondo del calcio: i casi di Milan e Inter Simone Cometti 150540 programmare un qualsiasi piano per gli anni difficili, e tantomeno di consolidare le strutture portanti del calcio italiano. Il potere è utilizzato piuttosto per attuare una frettolosa e confusa politica di sopraffazione settoriale: della Lega rispetto alla Federazione, delle Società rispetto alla Lega o ancora, e forse soprattutto, di alcune Società rispetto ad altre». Facendo un passo a ritroso, va ricordato a questo punto che all’immediato dopoguerra si deve far risalire anche la nascita della Lega Nazionale, voluta dalle società professionistiche aderenti alla Federcalcio. La Lega viene fondata fra il 14 e il 16 maggio del 1946 a Rapallo, e come sede viene indicata la città di Milano. Il suo primo presidente è l’ing. Piero Pedroni, che guiderà l’istituzione milanese per quattro anni, sino al ’50, passando attraverso il più lungo campionato della storia, quello del ’47-’48 a ventuno squadre. E’ la Lega, rafforzandosi sempre di più negli anni successivi anche grazie all’ingresso nel suo direttivo dei nomi più potenti del calcio italiano (i Rizzoli, gli Agnelli, i Moratti), a mettere in campo costantemente un’azione di autonomia delle società professionistiche nei confronti della Federcalcio. E’ la Lega a trattare con il Coni l’aumento dei contributi concessi, ritenendo agli inizi degli anni ’70 i 500-600milioni di lire ben misera cosa rispetto ad un meccanismo di giocate settimanali che aveva raggiunto utili-record prossimi ai 33 miliardi. Le società cominciarono ad avvertire sempre più pesantemente gli effetti deleteri di una politica economica condotta dissennatamente e senza alcun freno. Nel ’77 venti società su 36 sottoscrissero un documento con la richiesta di un commissariamento della Lega per far fronte ad un deficit del settore salito a 50 miliardi complessivi. Il commissario nominato, Franco Carraro, si dimise l’anno successivo quando il centravanti del Vicenza, Paolo Rossi, in comproprietà con la Juventus, venne valutato dal presidente vicentino Farina 5 miliardi e 224 milioni di lire. 1.4. LA MUTAZIONE GENETICA Seguire per grandi linee la storia della Lega Calcio equivale a ripercorrere le tappe di avvicinamento delle società calcistiche – e del fenomeno-calcio nella sua visione complessiva di vero e proprio fenomeno di costume – ad una dimensione sempre più “aziendale”, laddove l’aspetto economico- finanziario finisce quasi col sopraffare l’aspetto meramente ludico o spettacolare, pur intrecciandosi strettamente ad esso. Nel 1981 l’assemblea dei presidenti di serie A e B decide la liberalizzazione 6 delle sponsorizzazioni. Come scrive Fabio Monti nel suo saggio sulla nascita della Lega Calcio, la Lega nella primavera del 1981 «si trova di fronte alla prima occasione per alzare il prezzo della cessione dei diritti tv. La Fininvest annuncia pubblicamente di essere disposta a offrire molto di più della Rai, ma i tempi non sono ancora maturi per cedere i diritti a un’ emittente che non ha la diretta e di cui ancora non tutti si fidano, nonostante l’ultimo test del Mundialito. Così, per tre anni la Rai si tiene il calcio, ma deve versare 5 miliardi, 816 milioni e 147 mila lire». 6 Monti F., I Quaderni del Calcio, Lega Calcio, n.x, 1998 9
Anteprima della tesi: Comunicazione e prodotti editoriali nel mondo del calcio - I casi di Milan e Inter, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Comunicazione e prodotti editoriali nel mondo del calcio - I casi di Milan e Inter

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Cometti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Emilio Pucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 217

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi