Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il c.d. Approccio transnazionale al controllo delle attività delle imprese multinazionali: il fenomeno dei codici di condotta privati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IX Non in nome di una narcisistica logica di continuità con quel passato che ha il suo cominciamento nella la pace di Westphalia del 1648, non per un reazionario bisogno di conservare il tradizionale assetto della comunità internazionale, incentrato sul dogma della sovranità dei suoi Leviatani… ma perché solo entro quella bolla di ossigeno -straordinaria invenzione del genio umano- che è appunto la sovranità, diritti (fondanti politiche) e politiche (a loro volta finalizzate a tutelare diritti) hanno storicamente potuto respirare. Senza volere in queste pagine introduttive indugiare oltre sul concetto di sovranità, ci limiteremo ad invitare chi legge a tenere presente un dato difficilmente confutabile che è al di fuori della sterile opposizione tra pensiero marxista e teorie neoliberali: la storia non ci offre esempi di collettività umane organizzate (cioè capaci di gestire politiche e garantire diritti) migliori dello stato nazionale; esso, pur tra mille contraddizioni, ha organizzato attorno a diritti e politiche una moltitudine di comunità minori. Un sistema che da “internazionale” (cioè fondato su rapporti tra stati- sovrani, capaci di controllare le dinamiche delle rispettive comunità territoriali) diviene progressivamente “globale” (cioè fondato su reti 12 di attori transnazionali che by-passano ed infiacchiscono le sovranità) è un sistema nel quale la dimensione giuridico-politica si comprime in favore di una incalzante dimensione economica le cui impersonali leggi di domanda ed offerta paiono restare gli unici criteri regolatori. Posizioni giuridiche positive individuali e collettive nonché azioni pubbliche rischiano una pericolosa diluizione (se non una dissoluzione) nell’anomia dell’oceano globale 13 . 12 Si chiarisce qui il senso che il termine “reti” assume nella definizione di U. Beck. 13 E’ attraverso la sovranità dello stato nazionale che “i diritti diventano potenza, principi regolativi di soggettività operanti, non forme fluttuanti nell’aria, non principi eterni di una natura originaria e incontaminata. Insomma diritti storicamente determinati e politicamente operanti nel senso di fonti primarie di legittimazione (…)”. Fallace è “il coro sulla nuova società cosmopolita in via di delinearsi, come se finalmente i diritti stessero per liberarsi dalla cappa della politica, e immettersi nel paradiso postnazionale dove essi combattono quasi la loro battaglia finale, e possono tutti salvarsi, come ritornati alla loro originaria autonomia.”

Anteprima della Tesi di Gianluca Serra

Anteprima della tesi: Il c.d. Approccio transnazionale al controllo delle attività delle imprese multinazionali: il fenomeno dei codici di condotta privati, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Serra Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3818 click dal 04/02/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.