Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI COMUNITARI E SICUREZZA SOCIALE _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA – CATTEDRA DI DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 13 (direttive) in alcuni settori strategici, fra i quali la salute e la sicurezza del lavoro 8 . La vera novità fu rappresentata, tuttavia, dall’ art. 118 B (ora art. 139) che ampliava e sviluppava a livello europeo il dialogo tra le parti sociali, prefigurando anche la stipula di contratti collettivi di lavoro applicabili su tutto il territorio comunitario 9 . L’ AUE poneva, quindi, come base dell’ azione comunitaria i diritti fondamentali sanciti dalle costituzioni degli Stati membri, dalla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali e dalla Carta sociale europea del 1961 10 . 1.2 -- La formulazione di una politica sociale comunitaria Dopo l’AUE, pur sfruttando la Commissione le poche basi giuridiche sociali del Trattato con proposte di direttive al Consiglio, fu il Memorandum belga del 1987 a rilanciare la necessità di dotare il sistema giuridico comunitario di un insieme organico di diritti sociali fondamentali. 8 Vedi in particolare gli artt. 118 A e 118 B, ora 138 e 139; in proposito V. Guizzi “ Manuale di diritto e politica dell’Unione europea”, ed. Cedam, Padova, 2001. 9 Secondo il trattato sull’Unione europea, prima di presentare una proposta al Consiglio, la Commissione è tenuta a condurre consultazioni degli imprenditori e dei lavoratori, raccogliendo pareri e raccomandazioni delle due parti , le quali possono anche decidere di avviare una trattativa fra di loro per la stipulazione di un accordo sulla materia della proposta originaria, il quale è in tal caso recepito, a loro richiesta, e su proposta della Commissione, sotto forma di direttiva del Consiglio. 10 Cfr: P. Magno “ Diritti sociali nell’ordinamento dell’Unione Europea dopo Amsterdam” in DL, 1998 n.2 , pag.17 ss.

Anteprima della Tesi di Davide Ciorra

Anteprima della tesi: Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE), Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Davide Ciorra Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8244 click dal 10/02/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.