Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI COMUNITARI E SICUREZZA SOCIALE _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA – CATTEDRA DI DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 6 da uno ad altro Paese membro per esercitare o anche solo ricercare un’attività lavorativa di natura subordinata. Nel quarto capitolo verrà illustrata la direttrice originaria e tuttora fondamentale dell’azione comunitaria in materia di sicurezza sociale, la quale obbedisce ad una logica di pura integrazione negativa; saranno così rese note le modalità di coordinamento dei diversi sistemi nazionali di sicurezza sociale in funzione dell’effettiva realizzazione della libertà di circolazione e soggiorno dei lavoratori. Particolare attenzione sarà dedicata all’analisi dei principi fondamentali di coordinamento, sanciti dall’art.42 del Trattato CE e resi effettivi dal regolamento n. 1408/71. Si accennerà, inoltre, ad alcuni interventi di integrazione positiva dei sistemi nazionali di sicurezza sociale, disposti attraverso la tecnica dell’armonizzazione; interventi che, tuttavia, hanno riguardato ambiti circoscritti e hanno avuto riflessi previdenziali piuttosto modesti. L’attuale impossibilità di una effettiva armonizzazione dei vari regimi nazionali di sicurezza sociale e la difficoltà dello stesso coordinamento previsto a livello comunitario dipendono essenzialmente dalle notevoli differenze dei modelli di protezione sociale tra gli Stati membri, differenze sia in senso quantitativo ovvero come risorse destinate alle spese sociali che quantitativo.

Anteprima della Tesi di Davide Ciorra

Anteprima della tesi: Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE), Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Davide Ciorra Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8244 click dal 10/02/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.