Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela dei beni culturali e gli strumenti di pianificazione urbanistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 seppur indiretta per ciò che concerne le bellezze panoramiche 15 . Ciò che la legge del 1922 non prevede, lacuna poi colmata dalla l. 1497/39, è una forma di concertazione tra le allora competenti amministrazioni dei Lavori Pubblici e della Pubblica Istruzione, relativamente alla tutela paesistica; infatti, la l. 788/22 ribadiva il principio, già menzionato in precedenza, della imposizione di distanze per impedire che le nuove opere danneggiassero lo stato delle bellezze oggetto della legge 16 . Soltanto con il r.d. di attuazione della l. 1497/39, si avrà una disciplina organica rispetto al passato, intesa a conservare inalterato l’aspetto dei luoghi oggetto della tutela in discorso perché distinguibili per la loro non comune bellezza naturale; a tale scopo, non limitando la potestà dei proprietari di alienare i beni ma sottoponendo al controllo dell’amministrazione soltanto l’uso dei beni stessi. 15 Martini G., op. ult. cit., p. 27: “La formulazione dell’art. 21 l. 1089/39 è più ampia circa la protezione da accordare agli immobili protetti, in quanto mira ad evitare non solo che ne sia danneggiata la prospettiva o la luce ma che ne siano alterate le condizioni di ambiente e di decoro.” 16 “Ma la bellezza naturale o del paesaggio può essere alterata o danneggiata anche da lavori e segnatamente da nuove costruzioni che si facciano fuori del perimetro degli immobili vincolati. Nel disegno di legge, si è dovuto inserire una disposizione speciale la quale valga ad impedire il godimento delle bellezze naturali e panoramiche sia comunque impedito, che la vista ne sia ostacolata, che la prospettiva ne venga alterata, che nuove opere possano elevare come un sipario dinanzi alla bella scena paesistica o portare in essa una nota stonata e sgradevole.”, in Mattaliano E., op. ult. cit., p.30.

Anteprima della Tesi di Anselmo Provenzano

Anteprima della tesi: La tutela dei beni culturali e gli strumenti di pianificazione urbanistica, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Anselmo Provenzano Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7407 click dal 09/02/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.