Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica commerciale europea: un'analisi di principal-agent theory

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO PRIMO: LE TEORIE DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA 7 Successivamente, il nuovo corso dell’integrazione, che ha condotto alla creazione dell’Unione Europea (U.E.), all’introduzione di una moneta unica (Euro) e in quest’ultimo periodo all’elaborazione di una Costituzione Europea, ha attirato l’attenzione di vari studiosi che si sono dedicati all’elaborazione di diverse teorie. Vediamo qui di seguito quali sono le principali. 1.1 L’approccio realista e neorealista. Nell’ambito della teoria realista, con la sua enfasi sulla guerra di tutti contro tutti per l’ottenimento del potere e sulla priorità della sicurezza nazionale, solo un esiguo numero di studiosi è riuscito a produrre uno sforzo significante per predire o spiegare il corso futuro dell’integrazione europea o il suo funzionamento in quanto istituzione internazionale. Agli occhi dei realisti l’integrazione europea può essere giustificata solo dal fatto che una organizzazione internazionale integrata e istituzionalmente elaborata può meglio garantire gli interessi nazionali: in questo modo, però, la creazione di una confederazione di Stati diventa lo strumento degli Stati membri per raggiungere il loro obiettivo. Ancora più evidente è stato l’esplicito disinteresse degli studiosi neorealisti verso le istituzioni internazionali come l’U.E. considerate come riflessi epifenomenali della sottostante distribuzione del potere materiale nel sistema internazionale (S.I.). Questo, per esempio, si ritrova nel pensiero di Kenneth Waltz il quale attribuisce l’irregolare progresso dell’integrazione europea al fatto che gli U.S.A. sono emersi dalla Seconda Guerra Mondiale come i garanti della sicurezza nell’Europea occidentale, lasciando gli Stati liberi di attuare l’integrazione senza preoccupazione alcuna riguardo minacce alla sicurezza dai loro partners europei 5 . In seguito al rilancio del processo di integrazione europea, lo studioso neorealista che ha dedicato grande attenzione alla questione è senza dubbio Joseph Grieco 6 . 5 Waltz, Kenneth, 1979; Theory of International Politics; pagg. 70-71 6 Naturalmente questo non significa che non ci siano stati altri realisti che si sono dedicati alla medesima causa. Fra questi possiamo ricordare Randall Schweller e David Preiss.

Anteprima della Tesi di Gianfranco Carriero

Anteprima della tesi: La politica commerciale europea: un'analisi di principal-agent theory, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianfranco Carriero Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3192 click dal 18/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.