Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio di fattibilità e verifica secondo la normativa nucleare di uno scambiatore di calore ad alta temperatura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

combustibile pregiato, quindi entra nella camera di combustione vera e propria, dove avviene la combustione di combustibili poco pregiati; in uscita, i fumi si raffreddano cedendo calore all’aria all’interno dello scambiatore. Perciò all’interno dello scambiatore avviene il passaggio di calore dai fumi della combustione di combustibili “poveri” all’aria pulita. I dati di ingresso per la progettazione sono costituiti dai vincoli imposti dagli elementi circostanti lo scambiatore nel circuito; in particolare si richiede: 2.2 Temperature dei fluidi Temperatura minima di uscita dei fumi dallo scambiatore: 600°C Tale vincolo è imposto da considerazioni di carattere termodinamico; con questa temperatura è possibile accoppiare al ciclo turbogas a combustione esterna un ciclo a vapore. Il conseguimento della più alta temperatura possibile dell’aria in uscita dallo scambiatore permette di limitare l’impiego del combustibile pregiato (in figura rappresentato dal metano), perciò l’unico vincolo per tale parametro è quello tecnologico (materiali resistenti ad alta temperatura). Considerando i materiali metallici, si fissa tale valore ad un massimo di 800°C, poiché 816°C è il valore massimo di temperatura per il quale sono fornite le caratteristiche dei materiali nella normativa ASME. Per quanto riguarda le temperature di ingresso nello scambiatore dell’aria e dei fumi, si osserva che: 1. La temperatura di ingresso dell’aria deve essere sufficientemente elevata per evitare che lo scambio termico dentro lo scambiatore risenta di irreversibilità eccessive; a tale scopo può essere necessario un preriscaldo dell’aria in ingresso nello scambiatore. 2. La temperatura di ingresso dei fumi deve essere compatibile con la resistenza dei materiali e con la possibilità di garantire lo scambio termico dentro lo scambiatore (va cioè garantita una certa differenza di temperatura tra i fluidi). 26

Anteprima della Tesi di Maurizio Pieve

Anteprima della tesi: Studio di fattibilità e verifica secondo la normativa nucleare di uno scambiatore di calore ad alta temperatura, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Maurizio Pieve Contatta »

 

Questa tesi ha raggiunto 3981 click dal 17/02/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.