Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio di fattibilità e verifica secondo la normativa nucleare di uno scambiatore di calore ad alta temperatura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- Presenza di un elemento scambiatore di calore come interfaccia tra il combustore ed il ciclo a gas. Esso costituisce la parte critica dell’impianto, in quanto opera a temperature molto elevate (fino ad 800°C nel caso di impiego di materiali metallici, fino a 1300-1500 nel caso di scambiatore ceramico) con pressioni differenziali pari circa al rapporto di compressione (10-18 bar) ed in ambiente aggressivo. I cicli EFCC possono essere impiegati in svariati campi, sia per quanto riguarda le taglie di impianto, sia per la tipologia dell’applicazione. Si può infatti pensare di inserire la combustione esterna negli attuali impianti di produzione di energia elettrica che impiegano il ciclo combinato (in modo tale da ridurre i costi di gestione mediante l’utilizzo di combustibili poveri), oppure di progettare ex-novo impianti EFCC per l’autoproduzione, in modo da rendere possibile la produzione combinata di energia elettrica e calore (cogenerazione). Possibili schemi operativi per l’applicazione dei cicli a combustione esterna 1.4 Sistemi a ciclo singolo Lo schema più semplice di impiego dei cicli a combustione esterna è quello del ciclo singolo, molto simile, dal punto di vista termodinamico, a quello di un tradizionale turbogas rigenerativo, i cui rendimenti sono massimi per bassi valori del rapporto di compressione. Lo schema di impianto è riportato in Figura 1.2. Nei sistemi a combustione esterna in ciclo singolo alimentati con combustibili non pregiati, il rendimento massimo (30-40%) è inferiore di qualche punto percentuale a quello degli analoghi sistemi a combustione interna alimentati a gasolio o metano. Ciò è da attribuirsi alla presenza dell’elemento scambiatore, e in particolare ai seguenti aspetti: - Perdite di carico dei fluidi che attraversano lo scambiatore; - Perdite di fluido di lavoro (aria) attraverso trafilamenti e tenute imperfette tra lato aria e lato fumi. 19

Anteprima della Tesi di Maurizio Pieve

Anteprima della tesi: Studio di fattibilità e verifica secondo la normativa nucleare di uno scambiatore di calore ad alta temperatura, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Maurizio Pieve Contatta »

 

Questa tesi ha raggiunto 3981 click dal 17/02/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.