Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione e trasformazioni del meccanico vicentino dal secondo dopoguerra al duemila

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 prime, le difficoltà negli approvvigionamenti, le tensioni con l’ambiente operaio 23 . La grande impresa, accanto alla quale crescono parallelamente le piccole imprese, esce rafforzata dalla crisi degli anni trenta grazie all’uso congiunto di metodi gestionali tipici dei settori più avanzati assieme a strumenti di controllo di stampo paternalistico; in un intreccio tipicamente veneto di modernità e arretratezza, Roverato parla di “crescere per non soccombere, intraprendere per non rimanere disoccupati: il rischio contro difficoltà certe […] E’ a partire da questo momento che l’imprenditoria minore diventa dinamica, e che emergono fermenti di imprenditorialità prima ignoti” 24 . Il secondo dopoguerra è duro anche se la ricostruzione è facilitata dal fatto che i danni inferti all’industria sono sicuramente di minore entità rispetto a quelli che essa subisce dopo la Grande guerra. Molte industrie venete di oggi esistevano già nell’Ottocento, altre si formano nei primi decenni del secolo scorso. Solo con la ricostruzione, dopo la seconda guerra mondiale, l’industria delle costruzioni ha un poderoso sviluppo, si sviluppano alcune grandi industrie meccaniche connesse ai lavori di infrastrutturazione, all’agricoltura, e cresce il polo chimico di Porto Marghera con i suoi 20.000 addetti già nel 1949 25 . Nei primi anni cinquanta l’industria meccanica diviene il punto di forza dell’espansione economica dell’asse padano Vicenza-Padova-Treviso, 23 Ibid., cit., p. 427. 24 G. Roverato, La terza regione industriale, in S. Lanaro (a cura di), Storia d’Italia. Le regioni dall’unità ad oggi. Il Veneto, Torino, 1984, p.203. 25 B. Anastasia, G. Tattara, Come mai il Veneto è diventato così ricco? Tempi, forme e ragioni dello sviluppo di una regione di successo, (in corso di stampa), p. 10.

Anteprima della Tesi di Alice Cattelan

Anteprima della tesi: Evoluzione e trasformazioni del meccanico vicentino dal secondo dopoguerra al duemila, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alice Cattelan Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 832 click dal 17/02/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.