Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione e trasformazioni del meccanico vicentino dal secondo dopoguerra al duemila

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Nel Duecento il dominio di Romano d’Ezzelino porta la città sull’orlo della rovina, ma la riacquistata indipendenza ha la sua massima espressione nel nuovo Statuto cittadino del 1264, dove si hanno i primi accenni alla costituzione delle corporazioni di mestiere, le cosiddette fraglie, o fraie, a capo delle quali sono i gastaldi, che siedono di diritto nel Consiglio degli Anziani della città. Tra il 1300 e il 1400, il dominio degli Scaligeri regala nuovo benessere alla città favorendone lo sviluppo dell’artigianato con l’ingresso di nuove arti nelle fraglie. Nel 1387, quando il potere passa in mano ai Visconti, le fraglie cittadine sono ben ventinove, ordinate secondo la nobiltà delle arti esercitate 5 . Nel 1404 Vicenza passa sotto il dominio veneziano, il quale porterà alla città un lungo periodo di pace e benessere, durante il quale le fraglie divengono sempre più simili alle corporazioni di mestiere di Venezia. Le arti tipicamente vicentine, dunque, sono retaggio di tradizioni secolari in cui si susseguono l’influenza paleoveneta, quella longobarda e franca, fino al massimo fulgore dell’epoca comunale e del dominio veneziano. Per essere precisi, però, ad ogni tipo di specializzazione vicentina corrisponde un tipo particolare di influsso a seconda del caso: per quanto riguarda l’arte orafa, come già detto, può essere fatta risalire all’influsso dei longobardi, la lavorazione del ferro e degli altri metalli risale a tempi 5 In primis giudici, medici e notai, seguiti da mercanti, cambiavalute, lanaioli, calzolai, pellai, merciai, tavernieri, fabbri, falegnami, rigattieri, macellai, bottai, casari, mugnai, pescatori, venditori d’uova, orefici, barbieri, speziali, fornai, sarti, muratori, tessitori, bovari, facchini, e venditori di generi commestibili. F. Brunello, N. Furegon, L’artigianato vicentino nella storia,Vicenza, 1985, pp. 15-18, pp. 28-75.

Anteprima della Tesi di Alice Cattelan

Anteprima della tesi: Evoluzione e trasformazioni del meccanico vicentino dal secondo dopoguerra al duemila, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alice Cattelan Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 832 click dal 17/02/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.