Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le clausole di esclusione e di limitazione della responsabilità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 obbligato per i sinistri cagionati da dolo o colpa grave dell’assicurato ammette comunque il patto contrario per i casi di colpa grave 44 . Al di là di questa voce isolata, la dottrina, pur nella diversità delle opinioni al suo interno, ha guardato all’art. 1229 c.c. come a una norma che pone dei “ limiti all’autonomia contrattuale dettati dall’esigenza di conferire veste legale a principi variamente sottesi all’ordinamento giuridico” 45 fondati sulle regole generali espresse in materia di obbligazioni e contratti. Secondo una prima ricostruzione le convenzioni di esonero e di limitazione della responsabilità in caso di dolo e colpa grave sarebbero contrarie al principio di correttezza e alla buona fede contrattuale codificati nel nostro ordinamento agli artt. 1175, 1337, 1358, 1366 e 1375 del codice civile 46 . Infatti, sempre secondo uno studioso aderente a questa posizione, tali patti finirebbero con il “pregiudicare lo spirito di collaborazione che deve animare i rapporti tra debitore e creditore e che ha la sua espressione tipica nella buona fede contrattuale” 47 . Tuttavia anche il principio espresso dalla clausola generale di buona fede è parso, ad altra parte della dottrina, troppo generico e sfuggente per giustificare l’introduzione della norma in esame 48 . Esso, nel nostro ordinamento, non opererebbe sul contenuto del contratto né avrebbe di mira l’eventuale squilibrio tra le prestazioni 49 ma si riferirebbe esclusivamente ai rapporti precontrattuali e all’interpretazione ed esecuzione del contratto: infatti l’indicazione della clausola come contraria alla buona fede “potrebbe essere intesa sul presupposto di una sorpresa o coartazione della volontà del creditore ma non con riguardo a un patto che in ipotesi sia liberamente e consapevolmente stipulato” 50 . 44 F.BENATTI, Contributo allo studio delle clausole di esonero da responsabilità, Milano, 1971, pp. 30- 31 45 G.ALPA – M.BESSONE- V.ZENO-ZENCOVICH, I fatti illeciti, in Tratt.dir.priv, diretto da Rescigno, vol. 14, Torino, 1995, p.318 46 G.VISINTINI, La responsabilità contrattuale, Napoli, 1979, p.379 47 E.BETTI, Teoria generale del negozio giuridico, Torino, 1960, p.106 48 G.ALPA – M.BESSONE- V.ZENO-ZENCOVICH, I fatti illeciti, in Tratt.dir.priv, diretto da Rescigno, vol. 14, Torino, 1995, p.318 ; F.BENATTI, Contributo allo studio delle clausole di esonero da responsabilità, Milano, 1971, p.34 49 L.DELOGU , Le modificazioni convenzionali della responsabilità civile, Padova, 2000, p.19 50 M.BIANCA, Dell’inadempimento delle obbligazioni, in Commentario del cod.civ, a cura di Scialoja e Branca, Bologna, 1979, p.475

Anteprima della Tesi di Francesco Brambilla Pisoni

Anteprima della tesi: Le clausole di esclusione e di limitazione della responsabilità, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Brambilla Pisoni Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3853 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.