Skip to content

Il seicentesco Theophrastus redivivus come fonte storiografica

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 fenomeni, ha potuto dividere e diversificare (36) . Da un punto di vista strettamente teoretico si ha nel manoscritto «una demitizzazione che è tanto più radicale in quanto non investe soltanto aspetti marginali o degenerativi del fenomeno religioso, ma ne aggredisce il nucleo costitutivo, riportandolo alla sua radice politeistica e superstiziosa» (37) . Certo siamo ancora lontani dalla bayliana “repubblica degli atei” o dalle valenze rivoluzionarie, sia in senso politico che di sapere religioso, che la polemica antireligiosa assumerà nel primo illuminismo francese; vi è però - aristocraticamente - nel pensiero del Theophrastus redivivus una “via alla saggezza”, un percorso filosofico su cui si era già incamminato lo scetticismo montaignano un secolo prima. E se da un lato viene meno l'aspetto fideistico presente nell'autore degli Essays, dall'altro lato vi si consolida invece il conservatorismo, l'isolamento dalla società e dalle sfere del potere, la volontà di ritirarsi in un mondo impolitico, rarefatto, culturalmente rivolto verso la classicità, una classicità tuttavia che ha perso quelle istanze progressiste che l'avevano caratterizzata come “umanesimo” nell'età rinascimentale per trasformarsi in un amore del mondo classico che «è più simile a una fuga che al raggiungimento di una ‘ratio naturalis’ e la meditazione sui luoghi classici, stoici ed epicurei, relativi alla condizione del sapiente si scontra con una realtà sociale che si vuole rifiutare» (38) . Torna qui a proposito il giudizio di chi ha visto nel Theophrastus «un tipico intellettuale eterodosso del ‘grand siècle’, espressione di un’ottica dissociata, che da un lato rivendica al saggio una nuova libertà di giudizio e di critica, e, dall'altro, si piega sul piano esterno ad accettare la logica e la prassi del potere assoluto come garanzia di pacifica convivenza» (39) . La critica alle religioni stabilite risulta così essere, il nodo centrale, la linea di sviluppo fondamentale dell'argomentare dell'anonimo autore non solo da un punto di vista teoretico, che vede l'ateismo come la matrice in cui collocare la sapienza filosofica dell'uomo, ma anche da un punto di vista storico-filosofico, nel senso che proprio in questo ambito si può maggiormente notare l'utilizzo di alcuni topoi ormai classici della critica eterodossa religiosa nel Seicento. (36) Rispetto al tema della “conoscenza umana” presente nel manoscritto, scrivono i due curatori: «al principio di autorità si contrappongono dunque l'egualitarismo sul piano delle comuni facoltà di apprensione empirica e il richiamo, sempre energico ed insistito, alla responsabilità del singolo nella ricerca e nella verifica delle proprie conoscenze», in T.R., Introduzione, cit., p. XIX. (37) Ibidem, p. XXXI. (38) Lorenzo Bianchi, Sapiente e popolo nel “Theophrastus redivivus”, cit. p. 151. (39) A.M. Battista, Psicologia e politica nella cultura eterodossa francese del Seicento, in Ricerche su letteratura libertina e letteratura clandestina nel Seicento, cit., p. 231. Per questo aspetto resta fondamentale il saggio, della stessa autrice, Come giudicano la ‘politica’ libertini e moralisti nella Francia del Seicento, in Il libertinismo in Europa, a cura di S. Bertelli, Ricciardi, Napoli, 1980, pp. 25-80.
Anteprima della tesi: Il seicentesco Theophrastus redivivus come fonte storiografica, Pagina 14

Preview dalla tesi:

Il seicentesco Theophrastus redivivus come fonte storiografica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Perrino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1990-91
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Maria Assunta Del Torre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ateismo
campanella
eterodossia
irreligiosità
libertinismo
machiavelli
pomponazzi
storiografia filosofica
theophrastus redivivus
vanini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi