Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cento anni di studi liutari: una bibliografia organologica verificata tramite internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 utilizzare un unico strumento di ricerca. Su Internet infatti bisogna distinguere tra informazione fortemente strutturata, come il catalogo di una biblioteca, e informazione “libera”, non strutturata e a volte occasionale. Chiunque infatti può pubblicare in rete delle notizie, ma non è detto che queste provengano da una fonte autorevole o che siano state sottoposte ad una revisione editoriale. Le due tipologie di informazioni presentano vantaggi e difficoltà. Quella “strutturata” di una banca dati è in genere più precisa e affidabile, ma pur essendo raggiungibile attraverso Internet non è integrata nella grande ragnatela ipertestuale del Word Wide Web. Per contro, l’informazione “disordinata” è più difficile da valutare dal punto di vista dell’affidabilità, e per reperirla si è spesso costretti a navigazioni che possono sembrare quasi casuali e spesso frustranti. Internet tuttavia non è una sorta di “superorganismo” autocosciente; l’integrazione e l’organizzazione delle informazioni disponibili in rete dipendono in gran parte dai suoi utenti, e in primo luogo da chi fornisce informazione e da chi progetta, realizza e rende disponibili programmi e motori di ricerca. Senza uno strumento che metta il ricercatore in grado di orientarsi, quindi, il web sarebbe uno strumento ben meno efficace (se non del tutto inutile), e il ritrovamento di una pagina interessante sarebbe un evento spesso fortuito e dovuto per lo più al caso. Occorre, allora, uno strumento sofisticato, il motore di ricerca appunto, che permetta di effettuare indagini in tempi rapidi, possibilmente tenendo in considerazione anche il contenuto delle pagine, oltre al solo titolo che le medesime riportano. Naturalmente bisogna impiegare sistemi in grado di effettuare ricerche veloci, rigorose ed esaustive su grandi quantità di dati, e occorrono quindi strumenti idonei e algoritmi adeguati.

Anteprima della Tesi di Patrizia Pari

Anteprima della tesi: Cento anni di studi liutari: una bibliografia organologica verificata tramite internet, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Patrizia Pari Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2536 click dal 21/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.