Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cento anni di studi liutari: una bibliografia organologica verificata tramite internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Il web profondo è qualitativamente diverso dal web di superficie. Le sue fonti conservano i propri contenuti in banche dati interpellabili che producono risultati soltanto dinamicamente, in risposta a richieste dirette. Le pagine dinamiche, ovvero quelle scritte (oltre che in html) con un linguaggio server- side (ASP, PHP, JSP, ecc.) contengono anche delle istruzioni che vanno lette ed eseguite da un server che restituisce una pagina leggibile al browser. Una pagina dinamica, ad esempio, può non contenere il testo da visualizzare ma un’istruzione che spiega al server come trovare il testo nel nostro database o come calcolarlo. Se si utilizzano pagine dinamiche per soddisfare al meglio le esigenze degli utenti, si rischia però di impedire al motore di ricerca la completa indicizzazione del contenuto. Le pagine dinamiche sono create in tempo reale a partire dai database e si distinguono perché contengono nel proprio indirizzo un punto interrogativo (?). Quando un indicizzatore di un motore di ricerca recupera una pagina di questo tipo ne indicizza il contenuto ma non ne segue i link, perché li presume collegati ad un infinito numero di pagine. La ricerca diretta è comunque molto laboriosa se effettuata singolarmente “una per volta”. Le nuove tecnologie di ricerca automatizzano il processo di realizzazione di dozzine di ricerche dirette simultanee utilizzando la tecnologia multiple-thread (applicazioni di ricerca che interagiscono fra di loro) riuscendo ad identificare, recuperare, abilitare, classificare e organizzare sia i contenuti “in profondità” che quelli “di superficie”. Se il prodotto più richiesto dell’era dell’informazione è l’informazione stessa, allora il valore dei contenuti del web profondo è immenso. Tenendo in considerazione ciò, sono

Anteprima della Tesi di Patrizia Pari

Anteprima della tesi: Cento anni di studi liutari: una bibliografia organologica verificata tramite internet, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Patrizia Pari Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2536 click dal 21/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.