Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La poesia dello spazio. Il teatro radiofonico in Italia (1924-1974)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 BREVI CENNI STORICO-ISTITUZIONALI DELLA RADIOFONIA IN ITALIA Forse non è possibile quantificare il grado di consapevolezza con cui Guglielmo Marconi dette vita a un fenomeno di una tale portata storica, quando, ala fine del XIX secolo, dimostrò la possibilità di trasmettere e ricevere segnali a distanza utilizzando una versione rinnovata del trasmettitore di Hertz, il telegrafo senza fili; usato agli albori come mezzo di comunicazione dalla marina civile e militare 1 , questo strumento trovò presto largo consenso nella società occidentale, Stati Uniti - dove Marconi condusse le proprie ricerche - e Gran Bretagna. Proprio da una piccola stazione statunitense - la KDKA di Pittsburg - infatti, nel novembre del 1920 partirono le prime trasmissioni radiofoniche regolari, notizie saltuarie sull’andamento della competizione elettorale presidenziale tra Cox e Harding 2 ; deboli segnali che furono il preludio di un nuovo modo di intendere le comunicazioni a livello globale. Già grazie all’affermarsi della stampa si era inaugurata una sorta di «paleocultura di massa» 3 , creandosi, in modo lento ed estremamente circoscritto, una nuova consapevolezza sociale, un’inedita sensibilità di appartenenza ad una realtà molto più ampia e complessa del proprio microcosmo. Ma gli ostacoli che per sua stessa natura questo mezzo presentava – la scarsa alfabetizzazione, il suo precludere un movimento “attivo” dell’utente verso la fonte e non viceversa, presupponendo già una certa consapevolezza di base da parte dell’interessato – limitarono il fenomeno ad una fascia sempre troppo marginale ed elitaria della società pre-elettrica. 1 Una delle sue prime e più eclatanti applicazioni si ebbe in occasione del disastro navale che vide protagonista il transatlantico Titanic (1912), evento di enorme risonanza a livello internazionale, Cfr. Enrico Menduni, Il mondo della radio. Dal transistor a internet, Bologna, Il Mulino, 2001, p. 13. 2 Cfr. Franco Malatini, Cinquant’anni di teatro radiofonico in Italia 1929-1979, Torino, Eri, 1981, p. 16. 3 Cfr. Edgar Morin, L’industria culturale, Bologna, il Mulino, 1969, p. 56

Anteprima della Tesi di Cristiano Minelli

Anteprima della tesi: La poesia dello spazio. Il teatro radiofonico in Italia (1924-1974), Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristiano Minelli Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3953 click dal 22/02/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.