Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I rischi dell'attività bancaria (il rischio operativo) e il sistema dei controlli interni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 2. I RISCHI DELL’ATTIVITA’ BANCARIA 2.a Nozioni e tipologie Con il termine rischio viene qualificata una situazione di incertezza dalla quale non è possibile trarre elementi sufficienti di conoscenza circa l'esito finale di un determinato evento. Naturalmente il rischio è tanto maggiore quanto più vari e numerosi sono gli esiti possibili dell'evento considerato. Nelle valutazioni di bilancio si misura l'effetto che i rischi hanno già prodotto nella gestione e di conseguenza la variazione intervenuta nel valore attuale dell'intero portafoglio aziendale e nelle entità del patrimonio. La valutazione delle attività e delle passività finanziarie tende dunque a coglierne- ex post - i mutamenti di valore prodotti dai rischi che su di esse incidono. Poiché il bilancio degli intermediari è costituito in larga parte da attività e da passività di questo tipo, l'esegesi delle regole di valutazione, stabilita dal legislatore bancario, passa necessariamente attraverso la conoscenza e l'analisi dei rischi tipici dell'intermediazione creditizia. Le tipologie di rischio principali, cui è esposta l'attività delle banche e alle quali corrispondono specifici requisiti patrimoniali, sono: -rischio di credito: fa riferimento alla eventualità che il destinatario di un credito non riesca ad assolvere i propri obblighi di rimborso del debito in conto capitale e interesse. -rischio di concentrazione: è quello determinato da un'eccessiva concentrazione dei crediti verso pochi prenditori di grande rilievo che può compromettere la solidità patrimoniale della banca in caso di insolvenza di uno di questi; -rischio di interesse: è il rischio legato all'attività di trasformazione delle scadenze tipiche della banca (depositi a vista vengono trasformati in crediti di durata temporale maggiore), per cui variazioni dei tassi di interesse possono incidere sul risultato economico della gestione per effetto del divario temporale che intercorre tra le scadenze di negoziazione dei tassi attivi e di quelli passivi; -rischio di liquidità: è quello determinato dalla simmetria delle scadenze dell'attivo e del passivo che può causare la temporanea impossibilità di far fronte ai propri obblighi;

Anteprima della Tesi di Vimar Zecca

Anteprima della tesi: I rischi dell'attività bancaria (il rischio operativo) e il sistema dei controlli interni, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: scienze della sicurezza economico finanziaria

Autore: Vimar Zecca Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8006 click dal 23/02/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.