Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Consiglio Straordinario di Stato in Sicilia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 un sistema amministrativo ben distante dal modello di accentramento. Così pareva, in base alla promessa di istituire una assemblea elettiva che avrebbe deciso in merito all’annessione siciliana al Regno d’Italia: ipotesi in seguito tramontata in virtù del precipitarsi di Cavour nell’attuare la soluzione plebiscitaria. Così pareva, altresì, nonostante fossero ben note le sorti del progetto assembleare, alla base del provvedimento di istituzione del Consiglio Straordinario di Stato. Nel frattempo, gli esponenti più autorevoli tra le diverse componenti politiche non tardavano a dire la loro. E spesso e volentieri da una semplice posizione ideologica scaturiva un preciso disegno di sistema amministrativo.

Anteprima della Tesi di Marco Giacoppo

Anteprima della tesi: Il Consiglio Straordinario di Stato in Sicilia, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Giacoppo Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 853 click dal 24/02/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.