Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Logiche e strumenti della pubblicità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Contare gli utenti della rete è difficile a causa della struttura decentralizzata del mezzo di comunicazione, è ritenuta, però, verosimile la stima di 13,5 milioni di navigatori attivi in Italia, con circa il 38% delle famiglie dotate di accesso alla rete. Questo dato conferma una discreta penetrazione di Internet nella società italiana, ma l’investimento pubblicitario destinato all’on line è comunque molto basso, circa l’1% rispetto all’investimento pubblicitario totale. La telefonia cellulare ha una penetrazione nella società italiana che non lascia più spazio alla crescita, ma il lancio dello standard UMTS e delle sue nuove applicazioni promette di rigenerare il mercato e creare un nuovo tipo di utenti/navigatori always on. In internet ogni campagna pubblicitaria acquista caratteristiche tipiche del direct marketing: misurabilità dei contatti, rapporto personalizzato col pubblico/utente, possibilità di transazioni immediate. C’è una chiara aggregazione delle strategie e degli strumenti pubblicitari e di marketing in quanto tramite banner, siti web e messaggi e-mail personalizzati è possibile agire sul brand, aumentare la propensione all’acquisto, effettuare promozioni di prodotto ed anche vendere direttamente. Il web site aziendale è il più completo strumento comunicativo a disposizione dell’azienda e del brand. In rete ogni comunicazione pubblicitaria (banner, rich media, mail..) è ipertestuale, cioè, è in grado di trasportare direttamente l’utente all’interno del sito aziendale. È evidente, quindi, che il sito internet è il più importante strumento a disposizione dell’azienda. Ogni campagna pubblicitaria deve essere progettata intorno al suo “target ad” che solitamente è rappresentato dal sito stesso, o da mini siti creati appositamente. La struttura ipertestuale dei siti internet permette alle aziende di creare contenuti comunicativi attraenti ed allo stesso tempo informativi e completi. I banners sono gli strumenti pubblicitari più vecchi e più utilizzati della rete, hanno dimensioni variabili e grafiche piuttosto semplici, ma hanno il pregio di essere poco invasivi, targettizzabili e poco costosi. Sebbene l’efficacia misurata in termini di click trough sia in costante diminuzione, questi strumenti continuano a catturare la quota maggiore degli investimenti destinati all’online, grazie alla loro millantata capacità di fare branding con la sola impression. I rich media sono strumenti pubblicitari on line che si collocano a metà strada fra i banners e gli spot televisivi. Consistono in finestre ricche di grafica (e per questo molto lente da caricare) che occupano lo schermo dei navigatori per alcuni secondi, obbligandoli ad

Anteprima della Tesi di Matteo Tonoli

Anteprima della tesi: Logiche e strumenti della pubblicità digitale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Matteo Tonoli Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6299 click dal 25/02/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.