Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Logiche e strumenti della pubblicità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 CAPITOLO 1 - NUOVI MEDIA E COMUNICAZIONE DIGITALE 1.1.IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE Il verbo comunicare deriva dal latino “communicare”: mettere in comune qualcosa, passare qualcosa da uno all’altro. Si riscontra un’accezione fisica del termine che è mantenuta anche durante il medioevo in quanto legata alla ritualità cristiana in cui ogni fedele entra in contatto fisico con il corpo di Cristo durante l’eucaristia. Nell’era moderna il termine “comunicazione” è accostato, e tende a coincidere, all’idea di “trasporto materiale” vale a dire ogni infrastruttura e apparato deputato al trasporto è considerato canale di comunicazione. A partire dalla seconda metà del novecento, in concomitanza con lo sviluppo di discipline aventi come obiettivo principale lo studio dei processi comunicativi (semiotica, mass mediologia, informatica…), si è diffuso e stabilizzato il significato di comunicazione come trasferimento di informazione. Cinquant’anni fa, sotto la voce "Comunicazioni" del Grande Dizionario Enciclopedico della UTET (2a ed., 1954-1964, vol. III), venivano trattate prima di tutto le comunicazioni terrestri, fluviali, marittime ed aeree, poi quelle postali e telegrafiche e alla fine le più recenti radio e televisione. Lo Zingarelli del 1970 (X Edizione, Zanichelli, Bologna 1974) definì "comunicare" come “rendere comune, trasmettere”, “somministrare o ricevere la “comunione”, “essere in relazione, in comunicazione” non solo di uomini ma anche di luoghi, “condividere o trasmettere pensieri”. I significati “mettere qualcosa in comune” e “far vita comune” sono marcati come desueti. "Comunicazione" è definita invece come “atto del comunicare, trasmettere ad altri”, oppure come “collegamento” nel senso di “mezzo attraverso il quale persone e cose comunicano tra di loro”. La XII edizione dello stesso vocabolario (Zingarelli 1996) ha aggiunto un significato al termine "comunicazione" mantenendo inalterati gli altri, tale significato è riferito agli elaboratori e recita “processo mediante il quale si trasmettono informazioni, con appositi segnali, da un sistema all'altro”. Durante lo sviluppo delle discipline di studio dedicate alla comunicazione uno dei primari obiettivi è stato il tentativo di definizione del processo comunicativo.

Anteprima della Tesi di Matteo Tonoli

Anteprima della tesi: Logiche e strumenti della pubblicità digitale, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Matteo Tonoli Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6300 click dal 25/02/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.