Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 CAPITOLO I Antefatto 1. Fra gli anni ’50 e gli anni ‘60 All’inizio degli anni ‘50 assistiamo ad una svolta sociale della vita americana che avrà ripercussioni in tutto il mondo: gli anni ‘50 sono il decennio dell’esportazione internazionale del mito americano. Secondo l’analisi di Bruno Cartosio, è soprattutto per esigenze di leadership, emerse alla fine della Seconda Guerra Mondiale, che gli Stati Uniti diffondono, ovunque sia possibile, l’american way of life, lo stile di vita americano, propagandato attraverso status symbol e grandi miti: automobili, elettrodomestici, Coca-Cola, musica e cinema 1 . Lino Miccichè afferma che Hollywood, in questi anni, si impone come la maggiore industria cinematografica del mondo, conquistando la fama e comportandosi, con i mercati dello spettacolo che invade, “come una vera e propria potenza coloniale tradizionale: smerciando tutto il meglio e il peggio di sé” 2 . Hollywood trasforma gli Stati Uniti d’America in una terra promessa, in un immaginario collettivo per milioni di spettatori nel resto del mondo, imponendo il consumo come mito. In La società dello spettacolo, Guy Debord afferma che dove la base materiale è ancora assente, il cinema hollywoodiano con i suoi gesti, i suoi attori, le sue macchine rampanti, ha già “invaso spettacolarmente la superficie sociale di ogni continente” 3 . Creare un regime di monopolio soffocante e sicuro, diviene una garanzia per la vita di Hollywood, una società verticalmente integrata, un sistema economico fondato sull’isolamento, “una produzione circolare 1 cfr. B. Cartosio, Gli Stati Uniti contemporanei, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze 1992 2 L. Miccichè, L’ultima spiaggia del cinema? in AA.VV., Hollywood 1969-1979. Marsilio Editori, Venezia 1979, pag. 11 3 G. Debord, La società dello spettacolo, Baldini&Castoldi, Milano 1997, pag. 62

Anteprima della Tesi di Lorenzo Mazzoni

Anteprima della tesi: Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Mazzoni Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8702 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.