Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 L’assetto produttivo subisce una lieve rivoluzione, una piccola fetta dei registi si sottrae alle grosse case produttrici e inizia ad autoprodursi. Roger Corman è senz’altro un pioniere in questo senso, fondando nel 1953 la Roger Corman Production inizia una carriera che in vent’anni lo porterà a produrre e a dirigere quasi sessanta pellicole, tutte caratterizzate da una misera economia, girate in pochi giorni e su scenari spesso riutilizzati in diversi film. Sulla scia dell’interesse per il genere fantascientifico, legato ai fumetti popolari del dopoguerra come Flash Gordon o Buck Rogers, e alla psicosi della Guerra Fredda che genera per tutte il decennio pellicole incentrate sulla paura del disastro nucleare o da un’invasione aliena che lascia sottintendere facilmente una smisurata paura nazionale per un’invasione comunista (fra tutti The Invasion of the Body Snatchers) e, sul finire degli anni ’50, per la riuscita Rivoluzione Cubana, Corman dirige film low-budget destinati a divenire dei classici del genere: Not of this Earth (1956) e It Conquered the World (sempre del 1956). Come scrive anche Giuseppe Turroni, sono film caratterizzati fortemente da effetti speciali artigianali molto ingegnosi: mostri di cartapesta, turbinii sonori, astronavi che svolazzano, legate ad un filo, fra gli alberi. Corman diviene fondamentale anche per i suoi film incentrati sulle nuove mode giovanili, come i rock’n’ roll movies ( Rock All Night , Teenage Doll e Carnival Rock, tutti del 1957, ) e gli horror movies, pellicole dove il ‘mostro’ diviene sinonimo di ‘diverso’, staccato dalle norme sociali (A Bucket of Blood, 1959) 14 . I giovani si rispecchiano in questi film poiché sono alla ricerca di un loro cinema, di un cinema diverso. I piccoli studi sono quelli che possono permettersi i maggiori rischi per quanto riguarda le varie forme di rappresentazione e possono evitare la censura poiché tali film (definiti exploitation films) circolano in circuiti alternativi: drive-in, cinema di periferia, cinema di mezzanotte. 14 cfr. G. Turroni, Roger Corman, Castoro, Firenze 1976; E. Martini (a cura di), Corman 1-2, Bergamo Film Meeting, Bergamo 1992

Anteprima della Tesi di Lorenzo Mazzoni

Anteprima della tesi: Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Mazzoni Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8701 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.