Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Parker Tyler, nel suo libro Underground Film (un’ acuta analisi sul cinema sperimentale americano), afferma che oltre al continuo incalzare di problemi sociali e politici e agli esempi offerti dalla Beat Generation per quanto riguarda la libertà della parola e dell’azione, numerosi avvenimenti artistici contribuiscono alla nascita di una cinematografia veramente indipendente in America: l’esempio dell’action painting in pittura, l’influenza della nouvelle vague francese e del free cinema dell’Inghilterra proletaria. Nel secondo dopoguerra le pellicole a 8 e 16 mm, alla portata di tutti, favoriscono la nascita di un vero e proprio movimento d’avanguardia, il movimento, politicizzato, narcisista, modernista, prende spunto dall’avanguardia surrealista e dadaista, al concetto di film come veri e propri quadri in movimento 27 . Tyler sostiene, inoltre, che per i filmmakers (registi socialmente impegnati che operano con mezzi ridotti al di fuori delle strutture controllate dalle majors) della nuova tendenza, l’improvvisazione è un elemento quasi obbligato. La povertà economica costringe a girare in poco tempo e la ristrettezza del tempo porta questi nuovi registi a indirizzarsi verso il reale, verso la rappresentazione del quotidiano, verso l’improvvisazione della vita 28 . Abbiamo detto come gli studios Hollywoodiani, oltre a creare un prodotto, ne controllino anche lo sfruttamento commerciale, decidendo in che modo e in quale luogo il grosso pubblico può consumare tale prodotto. E’ questo il motivo per cui gli indipendenti fin dal loro esordio saranno costretti a cercare sedi alternative per raggiungere il loro pubblico. Come ci ricorda Richard Pena vengono creati “circoli cinematografici (…) per proiettare film stranieri, in particolare sovietici. Questi circoli avevano un certo orientamento politico, ed erano sempre collegati, anche se in modo informale, con i 27 cfr. P. Tyler, Underground Film: A Critical History, Da Capo Press, New York 1995 28 ibidem

Anteprima della Tesi di Lorenzo Mazzoni

Anteprima della tesi: Il cinema americano e la controcultura fra gli anni '50 e gli anni '70, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Mazzoni Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8702 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.